Green | 30 ottobre 2023, 13:09

Rinnovabili, Marcato: «Una strada su cui la Regione ha deciso di investire»

L'assessore regionale allo Sviluppo Economico ed Energia Roberto Marcato è intervenuto con un videomessaggio durante la 19esima Settimana Veronese della Finanza per fare il punto sull'impegno della Regione del Veneto nel campo delle energie rinnovabili.

Rinnovabili, Marcato: «Una strada su cui la Regione ha deciso di investire»

L'assessore regionale allo Sviluppo Economico ed Energia Roberto Marcato è intervenuto con un videomessaggio durante la 19esima Settimana Veronese della Finanza per fare il punto sull'impegno della Regione del Veneto nel campo delle energie rinnovabili.

«Il tema della transizione energetica è un tema straordinariamente importante. La Regione Veneto su questo sta lavorando davvero tantissimo, perché l'obiettivo è quello di essere sempre meno dipendenti dal mondo per quanto riguarda l'approvvigionamento energetico».

«Non possiamo sfruttare l'idroelettrico perché l'abbiamo sfruttato tutto. Non è possibile sfruttare l'eolico perché insistiamo in un bacino aerografico chiuso e senza ventilazione. E allora dobbiamo puntare su ciò che è possibile ed è il sole e l'idrogeno. Sul fotovoltaico stiamo lavorando davvero tanto, abbiamo approvato una norma regionale per regolamentare il il tutto il tema degli degli impianti sul fotovoltaico».

«Per quanto riguarda l'idrogeno abbiamo fortemente voluto la Fondazione Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità, che ha come fulcro proprio l'idrogeno, sia nella ricerca che nella produzione che nel consumo».

«L'altro, tema su cui stiamo lavorando tantissimo è quello delle delle comunità energetiche. Siamo in attesa dal governo che ci sia la firma dei decreti attuativi, perché abbiamo pronte delle risorse importanti per poter fare i bandi necessari per la loro costituzione».

«C’è poi il tema del biogas etico, una battaglia che da sempre porto avanti è quella della produzione di energia usando il biogas, però senza l'uso di cibo sano, così come è avvenuto e come sta avvenendo ancora con l’utilizzo di mais come additivo alle deiezioni animali per fare energia».

«Ecco, io credo che in un mondo dove un miliardo di persone soffrono la fame, usare cibo sano sia quanto di più lontano da una concezione etica del mondo. Noi stiamo lavorando su questo, e conto di portare il nuovo piano energetico che è lo strumento programmatorio entro la fine dell'anno in giunta proprio perché vogliamo continuare ad essere performanti».

«Ricordo che la Comunità europea aveva dato al Veneto un obiettivo di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili del 10%, e noi siamo arrivati nel 2020 al 17%, quasi il doppio. Ecco, questa è la strada su cui noi abbiamo deciso di continuare a investire».

Guarda il videomessaggio