Lavoro | 03 settembre 2022, 11:34

Dalla Regione Veneto 1,5 milioni per sostenere i Maestri Artigiani

Iraci Sareri: «Primo vero bando dedicato alle eccellenze. Incentivo in più a richiedere il titolo. Pronti i nostri corsi di formazione gratuiti».

Dalla Regione Veneto 1,5 milioni per sostenere i Maestri Artigiani

La Giunta regionale ha approvato venerdì 2 settembre il bando denominato “Sostegno all’attività dei Maestri Artigiani Veneti. Anno 2022”, finalizzato all'erogazione di contributi a supporto delle attività dei Maestri Artigiani riconosciuti dalla Regione del Veneto. Un milione e mezzo di euro dedicati esclusivamente a chi ha già ottenuto il riconoscimento regionale, che ad oggi è andato a 152 imprenditori veneti

«Un bando molto importante – commenta Roberto Iraci Sareri, Presidente di Confartigianato Imprese Verona – perché avvia la stagione dei finanziamenti dedicati alle figure professionali che ben rappresentano il valore del lavoro nel nostro Veneto e del mondo artigiano. Ringraziamo la Regione del Veneto e l’Assessore alle attività Produttive per la determinazione con cui hanno raggiunto i traguardi che si erano dati. Contiamo che le imprese artigiane possono cogliere questa importante opportunità per aumentare la loro competitività, innovare, crescere e sviluppare ulteriormente i propri prodotti e servizi. Con questa iniziativa i maestri artigiani potranno adeguare la loro bottega al fine di consentire il trasferimento di conoscenze e know-how, patrimonio inestimabile per le prossime generazioni».

 

Il titolo viene attribuito dalla Regione del Veneto, sulla base di una domanda presentata dall’impresa artigiana, previa verifica dei requisiti di esperienza, competenze professionali e manageriali, e attitudine all’insegnamento/trasmissione di competenze. I requisiti possono rappresentare il risultato di un percorso professionalizzante, ovvero 10 anni di lavoro e attestazione dei requisiti, oppure di un percorso formativo, ovvero 5 anni di attività lavorativa e un percorso formativo di almeno 100 ore.

«Diventa ora importante per tutti gli imprenditori che hanno i requisiti e sono tanti, anche nella nostra provincia – sottolinea il Presidente di Confartigianato Verona –, cogliere l’occasione per avviare la pratica. La nostra struttura è a disposizione per accompagnare gli imprenditori a svolgere il compito nel modo più semplice possibile. In particolare in un momento di difficoltà così serio, ogni aiuto conta, e tanto».

 

«Per i tanti imprenditori che invece non hanno ancora tutti i requisiti per diventare Maestro Artigiano – aggiunge Valeria Bosco, Segretario della Confartigianato provinciale –, ricordiamo che sono a disposizione dei corsi di formazione gratuiti che accompagnano l’imprenditore a colmare il gap e ad implementare le proprie competenze. Basta rivolgersi alla nostra Associazione, allo 0459211555 o scrivere all’indirizzo info@confartigianato.verona.it, oppure, per avere le informazioni necessarie. Sottolineo che, per quest’anno, tali corsi sono gratuiti, quindi si tratta di un’occasione da non perdere».

 

Il bando di selezione dei beneficiari, per un importo complessivo di 1 milione e mezzo di euro, è stato, dunque, approvato al fine di sostenere il Maestro Artigiano che intende adeguare i laboratori adibiti o da adibire a bottega scuola e supportare la competitività delle imprese dei maestri artigiani veneti nel loro complesso, valorizzandone il ruolo di soggetti portatori di un patrimonio di conoscenze e incrementando la riconoscibilità di questa nuova figura.

L’iniziativa è volta, inoltre, ad agevolare l’introduzione di innovazioni tecnologiche e di processi di valorizzazione e trasmissione delle competenze artigiane, nonché a facilitare lo svolgimento di attività formative nei locali in cui opera il Maestro Artigiano. Il bando prevede, quindi, un contributo sino al 75% dell’investimento ritenuto ammissibile per l’acquisto di macchinari, mezzi d’opera, hardware e software, compresi i costi per la creazione di portali web ed e-commerce finalizzati alla promozione dell'impresa e alla commercializzazione dei suoi prodotti, autocarri furgonati specifici per il trasporto merci, opere murarie e d’impiantistica, compresa la realizzazione di impianti a fonti rinnovabili.

Le domande potranno essere presentate dalle ore 10.00 di giovedì 22 settembre 2022, fino alle ore 16.00 di giovedì 20 ottobre 2022.