Associazioni | 10 agosto 2022, 09:25

Casartigiani Verona: «Rinviate il Decreto Trasparenza, momento delicato»

Il provvedimento dovrebbe avere validità dal 13 agosto ma il presidente Luppi chiede di spostare la data dopo l'estate: «Aumenterebbe il peso della burocrazia e gli oneri in un momento centrale per i lavoratori»

Casartigiani Verona: «Rinviate il Decreto Trasparenza, momento delicato»

No a ulteriori adempimenti e complicazioni burocratiche in pieno agosto sulle spalle delle aziende. È questa la richiesta di Casartigiani Verona che sollecita il Ministero del Lavoro a rinviare l’entrata in vigore (prevista per il 13 agosto) delle nuove norme del Decreto Trasparenza.

«Questo provvedimento introduce nuovi pesanti obblighi a carico del datore di lavoro – afferma Luca Luppi, Presidente di Casartigiani Verona – aumentando il peso, già insostenibile, degli adempimenti burocratici. Più che un passo avanti nel processo di semplificazione ne sono stati fatti due indietro, introducendo anche una serie di complicazione burocratiche non richieste dalla Ue».

Secondo l'Associazione di categoria scaligera, mai come adesso è importante individuare un percorso condiviso che tenga conto dei necessari processi di semplificazione amministrativa e innovazione tecnologica, indispensabili nell’ambito dell’attuale contesto sociale ed economico, nonché base delle riforme del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Oltre a un termine più ampio per adeguarsi al decreto e a maggiori indicazioni sugli aspetti operativi della nuova disciplina, Casartigiani Verona chiede al Ministero di "ridurre l'impatto dei nuovi oneri a carico delle piccole imprese, dando la possibilità di rinviare al contratto collettivo il reperimento delle informazioni riguardanti gli aspetti del rapporto di lavoro che sono regolati proprio dalla contrattazione collettiva".

«Ancora una volta constatiamo una grande distanza tra chi governa e le esigenze delle imprese – spiega Andrea Prando, segretario regionale di Casartigiani Veneto -, è impensabile che questa mole di adempimenti burocratici ricada sulle aziende e ci aspettiamo quindi un intervento rapido e coerente agli impegni presi dall'esecutivo».

«L’artigianato italiano e veneto vivono in un microclima delicato e unico e questi scossoni, come gli appesantimenti burocratici e fiscali, hanno già prodotto danni importanti, non solo nei numeri, ma anche nelle tipologie di aziende, con il settore della manifattura che è praticamente stato decapitato – conclude Prando - La ripartenza economica non può che reggersi sulla buona salute delle imprese e sulla resilienza di chi ci lavora dentro, ma troppo spesso ce ne dimentichiamo».