Economia | 29 luglio 2022, 08:30

Cattolica Assicurazioni, cambi al vertice: Ferraresi si dimette, Marconcini nuovo Ad

La compagnia assicurativa si è riunita e ha eletto un nuovo amministratore delegato: è Samuele Marconcini. Subentra nel Cda dopo le dimissioni del direttore generale Carlo Ferraresi che migra a Generali

Cattolica Assicurazioni, cambi al vertice: Ferraresi si dimette, Marconcini nuovo Ad

Carlo Ferraresi, consigliere e Ad di Cattolica Assicurazioni ha rassegnato le dimissioni per altri impegni professionali: assumerà la carica di Group Chief Risk Officer nella Capogruppo Assicurazioni Generali S.p.A., incompatibile con la carica sino a ora ricoperta in Cattolica. Pertanto, finirà il rapporto lavorativo come direttore generale (alla data delle dimissioni Ferraresi non detiene azioni).

«Voglio ringraziare tutte le persone di Cattolica per l’impegno e la professionalità con le quali hanno assecondato il cambiamento e l’evoluzione aziendale – dichiara Ferraresi - anche di fronte a sfide epocali come la pandemia, riuscendo allo stesso tempo a mantenere il legame con le comunità e i territori che sono da sempre, assieme alla nostra Rete Agenziale, uno dei punti di forza di Cattolica. Sono certo che Samuele Marconcini proseguirà questo virtuoso cammino. A lui vanno i miei migliori auguri per un futuro all’insegna di nuovi successi».

Una poltrona che non rimane vacante: il Consiglio si è riunito e ha nominato a suo posto, come amministratore delegato, Samuele Marconcini che potrà insediarsi dal primo settembre. Marconcini, attualmente ricopre la carica di vice direttore generale e COO della Società oltre a quelle di amministratore delegato di Cattolica services, presidente di Cattolica Beni Immobili e vice presidente di Tua Assicurazioni.

« Sono onorato per questo nuovo incarico che il CdA ha voluto conferirmi – commenta Marconcini -. In questi anni ho potuto conoscere e apprezzare le qualità di Cattolica e delle sue persone e sono certo, anche in questa nuova veste, che potrò contare sull’impegno e sulla dedizione di tutti per affrontare le sfide future. Una delle nostre priorità sarà portare a termine il processo di integrazione con Generali, che è stato positivamente avviato da tempo, ma che ha ancora importanti passi da compiere».

Il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, conferito mandato al Presidente, con il supporto delle strutture aziendali deputate, per trattare con Ferraresi i relativi termini economici di uscita, in linea con le vigenti Politiche di Remunerazione.