Associazioni - 02 luglio 2022, 16:50

Obbligo Pos, Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca.: «Ennesima vessazione»

Invitano i clienti a pagare in contanti i membri dell'associazione Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca., che si sono detti contrari all'obbligo di accettare il pagamento tramite Pos: «Tutti i costi ricadono su di noi. È l'ennesima vessazione».

Obbligo Pos, Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca.: «Ennesima vessazione»

«Il legislatore ci obbliga ad accettare questo sistema di pagamento scaricando ogni costo su di noi. Riteniamo allora che le commissioni bancarie e il canone Pos vadano aboliti. E nell’attesa inviteremo i nostri clienti a preferire il pagamento tramite contanti». È questa la posizione dell’associazione Ristoratori Veneto & Ho.Re.Ca., nata a Verona due anni fa e oggi portavoce di migliaia di attività in tutta la Regione, dopo che è scattato l’obbligo per tutti i commercianti di accettare anche i pagamenti col Pos. 

 

La portavoce dell’associazione, Alessia Brescia, ricorda che «il Pos, di cui tutte le nostre attività erano già dotate, prevede costi molto alti per l’esercente: oltre all’installazione che può arrivare fino a 100 euro e al canone mensile che può variare dai 10 ai 50 euro, ci sono le commissioni, che su un caffè possono toccare l’1.9% e in generale fino al 4%». Insomma, «i costi della nuova regola ricadono interamente sulle nostre spalle: l’ennesimo capitolo di vessazioni cui, a differenza delle multinazionali, sono sottoposte le piccole e medie imprese».

 

 

L’associazione rimarca anche come «il messaggio sulla nuova regola si presta a fraintendimenti: il pagamento in contanti è ancora possibile e tramite un cartello apposito noi inviteremo i clienti a preferire quel metodo, che oltre all’emissione dello scontrino fiscale non prevede ulteriori costi-extra come nel caso del Pos». 

SU