Associazioni | 30 maggio 2022, 09:21

ANCE Verona, tante le novità dall'assemblea generale: Trestini confermato presidente

Carlo Trestini sarà ancora al timone dell'associazione costruttori edili di Verona per altri 4 anni. Insieme a lui un rinnovato consiglio direttivo che traghetterà il comparto verso la crescita. Percentuali promettenti con +28% di business e +18% di lavoratori

ANCE Verona, tante le novità dall'assemblea generale: Trestini confermato presidente

Si è riunita l'assemblea Generale di ANCE Verona nella sala congressi Rocca Sveva della Cantina di Soave. Presenti oltre 250 costruttori ediliil presidente nazionale ANCE, Gabriele Buia, tutti i referenti delle Province venete.

Carlo Trestini è stato confermato alla guida di Ance Verona, resterà il riferimento dei costruttori edili scaligeri per i prossimi quattro anni.

Il nuovo Consiglio è composto da Andrea Allegri, Pietro Aloisi, Damiano Bellè, Eliana Brighenti, Marco Casari, Alberto Cengia, Michele Cicala, Alessandro Cressotti, Andrea Fedrigo, Andrea Filippino, Alberto Guerra, Claudia Lonardi, Luca Mantovani, Michele Mozzo, Marco Perizzolo e Antonio Ruffo.

Verona rispecchia la grande fase di crescita del settore delle costruzioni a livello nazionaleIl 28% dell’eccezionale crescita economica italiana del 2021 è generato dall’edilizia.

I dati della Cassa Edile veronese evidenziano una massa salari di quasi 123 milioni di euro nel 2021, (+17% rispetto al 2019, anno più significativo del 2020 in cui la pandemia ha influenzato enormemente le dinamiche). Sempre confrontando il 2021 con il 2019, le ore denunciate segnano circa un +15% (oltre 11.000), il numero delle imprese +11,18% (a marzo 2022 risultano circa 2000 imprese iscritte) e il numero di lavoratori +18% (a marzo 2022 poco più di 9mila lavoratori).

Per il futuro del settore occhi puntati sul progetto Verona 2040: «Abbiamo lavorato e lavoreremo - sottolinea il presidente di Ance Verona, Carlo Trestini, - per identificare un progetto che darà visione al nostro territorio e che, con realismo e ambizione, ci proietti nei prossimi vent’anni. Il progetto diverrà riferimento per ogni singola azione, iniziativa, miglioramento. Dovrà essere un sentiero tracciato, condiviso, da non mettere in discussione ad ogni cambiamento di amministrazione del territorio».

I giovani, altro focus nell’agenda dei costruttori edili veronesi, proseguirà sulle orme del progetto “100+100”. Un percorso virtuoso che ha coinvolto la Scuola Edile e altre cinque Istituzioni scolastico-formative di Verona: Associazione CFP CNOS-FAP San Zeno, ITS Cangrande della Scala, ITT San Zeno, IIS Ferraris Fermi, ITIS Marconi. Un progetto patrocinato anche dalla Regionale Veneto, dall’Ufficio Scolastico Provinciale e dall’Università di Verona, che ha creato un legame stretto tra il mondo dell’istruzione a quello del lavoro.