Green | 25 maggio 2022, 11:05

Fai Cisl e Terra Viva Veneto organizzano la Giornata dell'ambiente

Appuntamento al 30 maggio per la quarta edizione della Giornata nazionale per la cura dell'ambiente. La squadra di operatori provenienti da tutta la regione, sarà impegnata in pulizia e recupero dell'arenile di Sottomarina di Chioggia. Al termine della giornata, come gesto simbolico di sostenibilità, verrà piantato un albero.

Fai Cisl e Terra Viva Veneto organizzano la Giornata dell'ambiente

Riparte dal Veneto la serie di iniziative nazionali e regionali di valorizzazione e soprattutto di cura dell’ambiente legate alla giornata che Fai Cisl Nazionale ha istituito nel 2018 inserendola tra le varie iniziative del progetto Fai Bella L’Italia.

L'obiettivo è preservare e tutelare le bellezze e le risorse del nostro paese, da quelle economiche legate al lavoro a quelle culturali e ambientali. Appuntamento al 30 maggio, con alcuni giorni di anticipo sulla giornata nazionale fissata per il 5 giugno.

Il territorio interessato all’azione di pulizia e recupero ambientale è quello dell’arenile di spiaggia libera di Sottomarina di Chioggia nel veneziano. Si tratta nello specifico di un ampio tratto di spiaggia libera nei pressi della diga che segna il canale di entrata nel porto di Chioggia e che mette quindi in comunicazione il mare con la parte più meridionale della laguna di Venezia. Come spesso accade, la bellezza di questi luoghi, specie in alcune aree libere degli arenili, viene messa a repentaglio dall’accumularsi di sporcizia e rifiuti che arrivano principalmente dalle mareggiate invernali.

La squadra di operatori di Fai Veneto e di Terra Viva Veneto provenienti da tutta la regione, si riunirà proprio qui per dedicare la giornata alle azioni di pulizia, raccolta e smaltimento corretto dei materiali.

A guidare il gruppo il segretario Generale Fai Cisl Veneto, Andrea Zanin, e il presidente di Terra Viva Veneto, Thomas Alba: «Vogliamo sempre più valorizzare il nostro territorio ricordando a tutti che i cambiamenti climatici, il dissesto idrogeologico, l’inquinamento di fiumi, laghi e mari sono problemi reali e molto seri anche per il nostro Veneto».

Durante l’iniziativa verrà messo a dimora un albero come gesto simbolico di sensibilizzazione, ma anche concreto, per riequilibrare le conseguenze delle nostre azioni quotidiane, nell’ottica del contrasto al cambiamento climatico. La Fai ha tra le sue prerogative la cura della persona, del lavoro, dell’ambiente, finalità che derivano e sono coerenti con la storia e l’azione della grande famiglia del sindacato della Cisl.

«Sono piccoli gesti - concludono i due dirigenti – ma dal significato esemplare. Perché ci vedono tutti assieme in questa giornata idealmente affianco ai braccianti agli allevatori, ai forestali e agli addetti dei consorzi di bonifica, categorie di lavoratori protagoniste da sempre nella tutela del patrimonio naturale e paesaggistico della nostra bella Italia».