Risparmio | 15 maggio 2022, 16:43

Valpolicella Benaco Banca si rinnova e guarda al futuro

Saranno i giovani i principali interlocutori del territorio per una inedita sfida culturale. Il nuovo Presidente Daniele Maroldi: «Partiamo con idee chiare e obiettivi precisi»

Daniele Maroldi

Daniele Maroldi

È una nuova finestra sul futuro, pur nel solco della continuità. BCC Valpolicella Benaco si presenta al territorio con la nuova squadra di amministratori, dopo che l’Assemblea dei soci ha approvato il 29 aprile scorso non solo il bilancio 2021, ma anche la nuova governance dell’Istituto, che si rinnova nelle cariche e nella composizione stessa con nuovi entrati.

Eletti consiglieri Giorgio Comencini, Massimo Ferrarin, Alessia Filippini, Fabio Maria Grigoli, Sebastiano Lonardi, Daniele Maroldi, Matteo Piancastelli, Fabio Ubini, Cinzia Lisetta Zanetti. 

Alla prima riunione del Consiglio di amministrazione sono stati nominati Daniele Maroldi Presidente e Massimo Ferrarin Vicepresidente.

Rinnovo pressoché completo del Collegio sindacale con Sindaci effettivi e supplenti tutti di nuova nomina. Eletti Giampaolo Fogliardi (Presidente), Elena Bettelli, Alberto Righini, Maria Pia Melchiori (supplente) ed Ernesto Maraia (supplente).

Il contesto economico del territorio presidiato dalla Banca

«Il mese di aprile ha fatto segnare numeri molto positivi dovuti prevalentemente ai flussi turistici che sul Garda sono tornati in primavera ai livelli del 2019 - commenta il Presidente Daniele Maroldi. Netta ripresa del settore turismo anche in Verona città per le attività del centro storico».

«La nostra BCC ha investito molto negli ultimi anni in questo settore e nelle attività economiche collegate- spiega il Presidente. Ora raccogliamo i frutti di questa politica, che è rimasta molto ancorata alle attività locali, quelle tradizionali e quelle innovative».

«Bcc Valpolicella Benaco ha registrato ad aprile 2022 accrediti da turisti stranieri tramite strumenti di moneta elettronica per oltre 9 milioni di euro, importo doppio rispetto lo stesso periodo del 2019, ultimo anno pre covid.  Si tratta di un indizio importante- sottolinea Maroldi- che conferma in modo tangibile la ripresa turistica e che delinea il posizionamento strategico acquisito dalla Banca anche in prospettiva futura: oggi siamo a tutti gli effetti uno dei player di riferimento del nostro territorio».

Bilancio 2021

Nonostante la pandemia e nonostante una situazione geopolitica molto delicata, che sta comportando avvisaglie di ricadute economiche anche nel nostro territorio, i dati di bilancio di BCC Valpolicella Benaco riferiti al 2021 sono molto buoni. L’assemblea dei soci ha approvato un bilancio in crescita che evidenzia alla chiusura di fine dicembre segnali di ripresa molto incoraggianti. 

«È cresciuta la raccolta totale a 806 milioni di euro, con la raccolta indiretta che sale a 254 milioni di euro e quella diretta a 552 milioni di euro- sottolinea il Direttore generale Alessandro De Zorzi – È aumentata anche la quota del risparmio gestito, nettamente superiore alle aspettative, grazie ad una intensa attività di consulenza e grazie all’offerta altamente qualificata del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, che supporta BCC Valpolicella Benaco anche nell’ambito di investimenti con prospettive in ambito internazionale».

«Gli impieghi lordi erogati a imprese e famiglie sono saliti a 428 milioni di euro contro i 402 di euro di fine 2020. La copertura dei crediti a sofferenza è pari all’81%, la copertura di crediti deteriorati è del 61%. Per quanto riguarda il margine di intermediazione il dato evidenzia una crescita di oltre 2 milioni di euro rispetto al 2020- continua De Zorzi –. Buoni gli indici di patrimonializzazione con il Total Capital Ratio al 16,8%».

«Dal conto economico emerge il risultato positivo dell’utile, che si attesta a 2,2 milioni di euro, dato superiore agli obiettivi indicati nel piano industriale dell’istituto. Il patrimonio supera i 40 milioni di euro e va a consolidare la solidità della BCC».

Aumenta anche la compagine sociale di 260 soci nonostante le restrizioni della vita sociale della banca, dettate dalle regole contro la proliferazione del Covid. 

«Un bel segnale di fiducia e di senso di appartenenza alla BCC» commenta il Presidente Maroldi. «È su questi presupposti di partecipazione che intendiamo continuare a fondare, pur nel solco del rinnovamento, la nostra risposta al territorio, garantendo attenzione, presenza costante, ascolto e vicinanza alle comunità. Lo faremo condividendo passione, energia, rispetto: valori per noi fondamentali quanto la professionalità».

Verona Economia