Lifestyle | 12 maggio 2022

Fondazione Cariverona organizza mostra sui siti storici della città

"Luoghi Comuni" è il titolo dell'esposizione fotografica organizzata da Fondazione Cariverona in collaborazione con Associazione Culturale Urbs Picta. Le opere sono griffate Gabriele Basilico e Alessandra Chemollo. appuntamento a sabato 28 maggio

Fondazione Cariverona organizza mostra sui siti storici della città

Riaprono sabato 28 maggio gli spazi di Castel San Pietro e Palazzo del Capitanio, assieme a quelli di Palazzo Pellegrini, grazie alla mostra fotografica Luoghi Comuni. Cantieri e siti monumentali della Verona storica e industriale in Gabriele Basilico e Alessandra Chemollo. 

Il progetto di Fondazione Cariverona, in collaborazione con Associazione Culturale Urbs Picta, è un percorso inedito lungo tre luoghi che raccontano la storia culturale, politica e produttiva della città di Verona. La mostra, che si potrà visitare gratuitamente su prenotazione fino a settembre ogni primo weekend del mese, è curata da un gruppo di studentesse e studenti dell’Università di Verona, di ABAV Accademia di Belle Arti e dello IUSVE Istituto Universitario Salesiano, coinvolti nel workshop “Visual Art Collection Management and Curating”. I partecipanti hanno studiato, approfondito e reso fruibili le opere della collezione di Fondazione Cariverona, lavorando sul corpus di fotografie di Gabriele Basilico e sulla nuova campagna di Alessandra Chemollo

Basilico documenta in particolare, nei primi anni Duemila, l'area degli ex Magazzini Generali prima dell'avvio dei lavori di riqualificazione; Chemollo, vent’anni dopo, fotografa la stessa area in una fase avanzata delle opere e si concentra poi sui cantieri di Castel San Pietro, sull’omonima collina nel quartiere di Veronetta, e Palazzo del Capitanio, in pieno centro. 

«In Fondazione Cariverona abbiamo tra gli obiettivi strategici l’operare per la Valorizzazione del Capitale Umano e Promozione di opportunità a favore dei Giovani - evidenzia Alessandro Mazzucco, presidente di Fondazione Cariverona - ed il progetto LUOGHI COMUNI, sviluppato per creare l’opportunità dopo tanti anni di entrare in questi spazi, nasce dalle idee e dal lavoro di un gruppo di giovani intelligenze che abbiamo accompagnato con la sicura mano degli amici di Urbs Picta. Riapriamo dunque questi luoghi familiari allo sguardo dei veronesi che oggi insieme alle fotografie di Basilico e Chemollo hanno la possibilità di essere riletti nella loro trasformazione, certi che l’evoluzione di questi edifici continuerà acquisendo nuova centralità nel panorama cittadino».

«Il titolo della mostra gioca sul doppio significato dell’espressione “luoghi comuni” - spiega Jessica Bianchera, presidente di Urbs Picta -. Da un lato gli Ex Magazzini Generali e gli edifici storici del Capitanio e di Castel San Pietro sono trattati dai due fotografi con lo stesso grado di monumentalità e poeticità, abolendo ogni pregiudizio, ogni luogo comune sulla dicotomia centro-periferia, antico-contemporaneo. Dall’altro lato l’espressione allude anche al fatto che questi sono luoghi che coinvolgono l’intera comunità, che si inseriscono potentemente nella storia e nella realtà urbana cittadina evocando memorie del passato e rivendicando un nuovo ruolo nel panorama odierno. Un gioco concettuale che si carica di significato etico, in cui la quotidianità, l’abitudine percettiva maturata sui siti fotografati, divenuti quasi invisibili nel panorama cittadino dal momento in cui sono stati sottratti all’uso, diventa comunità dello sguardo, per avviare la restituzione alla cittadinanza di questi luoghi storici».

La mostra Loghi Comuni è arricchita da un intenso programma pubblico, con due talk aperti alla cittadinanza, sulla storia architettonica e industriale di Verona e sulle poetiche e i linguaggi della fotografia di Basilico e Chemollo, domenica 5 giugno e sabato 3 settembre nella sede di Fondazione Cariverona. Sempre a Palazzo Pellegrini sarà proposto, sabato 4 giugno, un laboratorio su disegno e fotografia per adulti, mentre sabato 2 e domenica 3 luglio spazio a bambine e bambini con un workshop sulla tecnica della “fotografia ecologica”, l’antotipia.

Appuntamento al 28 maggio, quindi, per l’inaugurazione. Alle 11 la presentazione alle autorità a Castel San Pietro, mentre Palazzo Pellegrini e Palazzo del Capitanio saranno già aperti al pubblico dalle 11; poi dalle 15 alle 20 spazi espositivi fruibili da tutti, sempre con prenotazione obbligatoria alla mail  corsi@urbspicta.org.

Alle 17 opening ufficiale a Palazzo Pellegrini (sede di Fondazione Cariverona), in via Achille Forti 3/A, con live di Laura Agnusdei e dj-set a cura di Path Festival e Daniele Raimondi alla consolle, nell’ambito di Verona Risuona.

Domenica 29 maggio, invece, visite guidate gratuite in ciascuna delle tre sedi, ogni ora con inizio dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17, così come nei giorni di sabato 4 e domenica 5 giugno, sabato 2 e domenica 3 luglio, sabato 6 e domenica 7 agosto, sabato 3 e domenica 4 settembre. 

Nelle sedi di Castel San Pietro e Palazzo del Capitanio, data la situazione di cantiere, la visita non è accessibile a persone con difficoltà motorie. 

Tutte le informazioni sui siti web di Fondazione Cariverona e Urbs Picta.