Economia | 04 maggio 2022

Inaugurata la 66esima mostra del Valdobbiadene Docg

Taglio del nastro per la più longeva delle rassegne legate alla Primavera del Prosecco. 78 cantine con circa 200 etichette. Presente anche il presidente Zaia: «Siamo arrivati quasi a un miliardo di bottiglie: un miliardo di biglietti da visita da mostrare al mondo».

Inaugurata la 66esima mostra del Valdobbiadene Docg

Inaugurata a Col San Martino, Farra di Soligo, la 66esima mostra del Valdobbiadene Docg, la più longeva delle rassegne legate alla Primavera del Prosecco.

«Vengo qui dal 1995 e ogni anno è una crescita, che sono sicuro non si fermerà».

Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, in provincia di Treviso, ha tagliato il nastro di una kermesse che quest’anno propone 78 cantine con circa 200 etichette di Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG, offrendo un ricco programma di serate a tema ed eventi fino al 22 maggio.

« Un evento che continuerà a crescere per due motivi -aggiunge Zaia -: dal 2009, con un mio decreto, c’è la riserva del nome sul Prosecco, e dal 2019 queste terre sono patrimonio dell’Unesco. Con un mix del genere siamo arrivati quasi a un miliardo di bottiglie e nei prossimi 10 anni potremmo arrivare a 1,5 milioni di turisti. In poche parole abbiamo un miliardo di biglietti da visita da mostrare al mondo».

Il tradizionale premio ‘Enrico Giotto’ è stato consegnato all’azienda Riva Granda, rappresentata dalla titolare Silvia Spadetto.

Il governatore ha anche inaugurato la mostra “Fare bene ti fa star bene” organizzata dalle cooperative sociali “La Rete”, “ALI” e “Sorgente”.