Enti | 20 aprile 2022

Automotive Dealer Day: sulla linea di partenza la 20esima edizione

Appuntamento dal 17 al 19 maggio a Veronafiere con il salone internazionale del settore automotive. Quintegia, la società che ha ideato l’evento, ha scelto come focus di questa 20esima edizione il Business Regeneration.

Automotive Dealer Day: sulla linea di partenza la 20esima edizione

Tutto pronto per la 20esima edizione di Automotive Dealer Day, l’appuntamento internazionale indipendente di incontro, aggiornamento e networking di riferimento per gli operatori del settore automotive. Andrà in scena dal 17 al 19 maggio, presso il Centro Congressi di Veronafiere.

Business Regeneration è il main theme scelto quest’anno da Quintegia, la società che ha ideato e sviluppato l’evento fin dal debutto nel 2003. La rigenerazione è intesa come la sfida che affrontano tutti i protagonisti della mobilità in questa fase storica di cambiamento, come l’opportunità di trasformare approcci, flussi, figure, metodi per valorizzare il proprio business e mettere in atto potenziali sinergie.

Consumatori, Retail, Dealer, Sostenibilità, Elettrico, Innovazione: queste le parole chiave per interpretare il presente e futuro: «Oltre a uno spaccato legato all’attualità, nelle tre giornate veronesi verranno illustrati gli scenari futuri dell’intero ecosistema automotive, con l’obiettivo di dare risposta a interrogativi e seguito agli impulsi che arrivano dalle aziende del settore e con il contributo di voci trasversali che offrono “spunti” e punti di vista diversi per una visione globale -dichiara Tommaso Bortolomiol, CEO di Quintegia -. Anche quest’anno un asset fondamentale è l’innovazione, con una novità ulteriore rappresentata dall’Area Startup».

L’evento poggia su tre pilastri fondamentali, affinché i partecipanti possano vivere un’esperienza capace di arricchire il proprio bagaglio professionale: l’aggiornamento sulle nuove tendenze del mercato con gli approfondimenti dell’impatto sul mondo auto, grazie al fitto calendario di incontri in programma; la possibilità di scoprire prodotti e servizi innovativi per migliorare i processi all’interno della propria azienda, con il supporto delle realtà che espongono nell’Area Business; attività di networking, anche informali, per consolidare o ampliare le proprie relazioni.

Spazio all’Innovazione e al digitale L’Area Startup, che accoglie 8 progetti che si distinguono per l’alto valore innovativo, vuole concretizzare il ruolo di Quintegia come acceleratore e facilitatore dei processi di crescita.

Al piano -1 del Centro Congressi di Veronafiere le nuove realtà avranno uno spazio fisico e l’opportunità di raccontare e illustrare la propria idea. La migliore startup verrà premiata il 19 maggio durante lo Startup Generation Award, l’iniziativa sviluppata in collaborazione con Subito.

Altra premiazione, dedicata al digitale, sarà l’Internet Sales Award, iniziativa sviluppata in collaborazione con AutoScout24, in cui verrà dato il riconoscimento Best Digital Dealer. Il progetto RESET Nato nel 2020 in collaborazione con Findomestic Banca, mira alla sensibilizzazione delle concessionarie sulle tematiche legate alle componenti facenti parte dei criteri ESG (Environment, Social, Governance).

In questa edizione sarà presa in esame la Governance, con un focus sulla gender equality. Più di 60 i relatori coinvolti in 21 sessioni del Programma Contenuti, oltre 30 incontri tra aziende, Associazioni di categoria e Case Automobilistiche, 7 le Sale destinate al fitto calendario di appuntamenti. 60 le aziende in Area Business.

I numeri del settore Automotive in Italia In Italia i dealer che operano nel settore della mobilità sono: 1.193 (ragioni sociali in capo a 914 imprenditori, fonte: Quintegia Dealer Network Study 2022), generano un fatturato pari ad oltre 40 miliardi (erano quasi 48 miliardi nel 2019) e contano 55 mila posti di lavoro. Il parco circolante nel Paese è costituito da 38,8 milioni di vetture, al quale si affiancano i veicoli commerciali e industriali, le due ruote e le unità appartenenti alla micro-mobilità. La quota relativa all’elettrico è pari allo 0,6% (BEV e PHEV).