Associazioni | 09 gennaio 2022, 16:01

Federconsumatori, gli aumenti di energia e spesa alimentare peseranno 1.228 euro a famiglia

L'associazione a difesa dei consumatori, per mezzo del suo presidente nazionale Michele Carrus, lancia l'allarme per le conseguenze del caro energetico e delle materie prime, compresi gli imballaggi, e chiede aiuto al governo.

Federconsumatori, gli aumenti di energia e spesa alimentare peseranno 1.228 euro a famiglia

Mai come quest’anno le stime degli aumenti per l’anno alle porte saranno amare per i cittadini. L’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha calcolato, infatti, l’impatto che il 2022 avrà sui conti delle famiglie: con un aggravio stimato di + 1.228,80 Euro annui.


Un andamento al rialzo trainato dall’aumento dei costi dei beni energetici, che incidono fortemente sui costi di trasporto e produzione. Il rialzo del costo di energia elettrica e gas si stima durerà almeno fino al II trimestre 2022, pesando in maniera notevole sui costi delle famiglie. In rialzo anche il settore alimentare su cui, oltre all’aumento dei costi di produzione e trasporto, incidono anche le forti tensioni sul mercato delle materie prime ed i maggiori costi degli imballaggi, il rincaro dei mangimi e dei concimi che faranno sentire il proprio peso soprattutto nel corso del prossimo anno. Non mancano all’appello gli aumenti nel settore del credito, con un rialzo dei costi dei conti correnti, da parte di alcuni istituti, soprattutto per i giovani.


Preoccupano, infine, gli aumenti nel settore sanitario, che si aggiungono a quelli notevoli già registrati lo scorso anno, dovuti principalmente al ricorso alla sanità privata per visite, prestazioni ed esami (vista la situazione di forte emergenza delle strutture pubbliche), nonché al costo dei tamponi per rilevare il Covid-19.


A peggiorare la situazione per il 2022 vi è il permanere della situazione di grave difficoltà in cui si trovano molte famiglie a causa delle conseguenze della pandemia. È necessario valutare, infatti, che tali aumenti avvengono in un contesto estremamente delicato e in molti casi non faranno altro che accrescere disuguaglianze e disparità all’interno del Paese.

 

«Per questo riteniamo urgente un intervento del Governo teso a ristabilire equità, modificando la manovra fiscale in modo da favorire realmente le fasce di reddito meno abbienti ed arginare in maniera efficace e duratura il caro energia per le famiglie. – afferma Michele Carrus, Presidente di Federconsumatori. – Inoltre è indispensabile avviare un piano per il rilancio economico che punti sullo sviluppo, sulla ricerca, sull’occupazione, ma soprattutto sul contrasto risoluto alle diseguaglianze e alla povertà».

Il Paese ha bisogno di scelte coraggiose e lungimiranti, che promuovano una ripresa sostenibile. Al contempo è fondamentale che le Autorità competenti ed il Governo mettano in atto un monitoraggio attento dei prezzi, specialmente nel settore dell’energia e dell’alimentazione (quelli maggiormente interessati dai rincari): ogni fenomeno speculativo sarebbe intollerabile.

Inoltre, in tema di energia, è necessario disporre una riforma complessiva sul sistema di tassazione, spostando alcune voci dagli oneri di sistema alla fiscalità generale e rendendo strutturali gli interventi per calmierare le bollette finora adottati.

PREVISIONI AUMENTI 2022

EURO ANNUI

AUMENTO IN %

ALIMENTAZIONE

299,60 €

4,2%

ASSICURAZIONI AUTO

32,69 €

2,3%

COSTI BANCARI

15,07 €

2,1%

TARIFFE AUTOSTRADALI

3,12 €

3,4%

TRASPORTI

172,67 €

3,2%

TARI

19,42 €

3,1%

TARIFFE LUCE E GAS

332,82 €

18,9%

TARIFFA ACQUA

23,63 €

3,6%

TARIFFE PROFESSIONALI-ARTIGIANI

62,74 €

2,9%

PRODOTTI E SERVIZI PER LA CASA

83,79 €

2,7%

SCUOLA (MENSE E LIBRI)

83,84 €

0,8%

PRESTAZIONI SANITARIE

44,90 €

3,4%

RISTORAZIONE

41,01 €

2,6%

COMUNICAZIONI

13,50 €

1,8%

TOTALE

1228,80 €