Enti | 28 dicembre 2021

Camera di Commercio Verona: bilancio di fine anno del presidente Riello

Giuseppe Riello stila il bilancio del 2021. La Camera di Commercio si conferma in prima linea per il sostegno al territorio a partire dai due motori economici, l'aeroporto Catullo e Veronafiere. Prosegue per tutto il 2022 il progetto "RiVer, RIparti VERona": stanziati 30milioni

Camera di Commercio Verona: bilancio di fine anno del presidente Riello

Un anno denso di iniziative a sostegno del territorio: sia sul fronte dell'aiuto alle imprese, che sul fronte dello sviluppo delle infrastrutture scaligere, nelle quali la Camera di Commercio ha partecipazioni importanti.

«Abbiamo puntualmente portato avanti il progetto di rilancio dell’economia: RiVer, RIparti VERona -esordisce il presidente della Camera di Commercio di Verona, Giuseppe Riello-. Sono 30 i milioni stanziati dalla Camera di Commercio per il triennio 2020-2022. Per le imprese veronesi quest'anno sono stati erogati contributi per 6milioni di euro destinati a bandi per l'innovazione, l'internazionalizzazione e il sostegno alla liquidità. Ci troviamo in un momento critico: le due principali infrastrutture economichel'aeroporto Valerio Catullo e Veronafiere, hanno passato un periodo di grossa difficoltà: per questo siamo stati chiamati a impegnarci. Abbiamo fatto fronte all'impegno, nel recente aumento di capitale che ha prodotto un effetto di oltre tredici milioni di investimento su queste due aziende. Sono realtà che fanno da volano per l'economia locale e per il mondo industriale, per questo il loro sostegno e sviluppo è un capitolo importante del progetto RiVer».

Le risorse sono state impegnate in un contesto più ampio di relazioni locali, nazionali e internazionali. I risultati sul fronte dell’aeroporto e della fiera sono giunti grazie a una collaborazione sinergica. Quindi accanto alla liquidità fornita direttamente con gli aumenti di capitale ora è possibile contare anche su altri 24milioni di ristori per la fiera

«Ringrazio il presidente Danese -prosegue Riello-, ha svolto un lavoro fantastico per trovare risorse per il sostegno dell'intero sistema fieristico nazionale e anche per Veronafiere, in un momento di grave difficoltà, tessendo rapporti a livello nazionale e interagendo con il Governo per cambiare le regole per i ristori. Ora si lavorerà per utilizzare le risorse per gli investimenti necessari allo sviluppo della nostra Fiera, secondo quanto previsto dal piano industriale».

«Un'altra buona e recentissima notizia è per la Fondazione Lirica. E’ stato infatti approvato un emendamento alla legge di Bilancio che stabilisce da un lato un criterio più favorevole di riparto del Fondo Unico per lo Spettacolo (con 150milioni di euro in più per le Fondazioni di tutta Italia). La proposta approvata prevede che la ripartizione del Fondo avvenga sulla base della media delle percentuali stabilite per il triennio 2017-2019 e non sull’ultimo triennio in cui, causa Covid, non si è lavorato».

Un anno di lavoro trascorso in un contesto delicato e scandito da numerose difficoltà ma l'impegno del presidente Riello e della Camera di Commercio è rivolto alle sfide del futuro e al miglioramento del territorio: «La ripresa economica è un dato di fatto, soprattutto per le imprese esportatrici, ma il balzo dell’inflazione preoccupa molto perché potrebbe rallentare la corsa del Pil. Nel 2022 alle porte è l’inflazione il vero elemento in grado di condizionare economia e mercati su scala globale, in Europa e ovviamente pure in Italia. Confidiamo che sia una fiammata temporanea che non condizioni la ripresa, molto dipenderà anche dalle decisioni del Governo Draghi e dall’andamento della quarta ondata di contagi Covid».