Associazioni | 16 dicembre 2021

Fisascat Cisl Veneto, 11esimo congresso a Gardaland

"Insieme nelle grandi transizioni. Sostenibilità, giustizia, lavoro e competenze" è l'appuntamento previsto per oggi e domani a Gardaland. 150 delegati da tutte le province della Regione per delineare le azioni del prossimo futuro e nominare i nuovi volti del consiglio generale

Fisascat Cisl Veneto, 11esimo congresso a Gardaland

È in programma oggi e domani a Gardaland, a Castelnuovo del Garda (Verona) l’11esimo Congresso di Fisascat Cisl Veneto.  

Fisascat è a livello regionale la più importante federazione di Cisl Veneto per numero di iscritti, che superano oggi quota 47mila: sono per lo più donne (70%), per il 62% occupati part-time e per il restante 38% occupati full-time. Lavoratori e lavoratrici che hanno a loro tutela più di 40 contratti nazionali (dagli addetti al terziario e al commercio, a quelli dei settori della ristorazione, dell’alberghiero e del turismo, delle realtà di culto, agli operatori dei servizi di pulizia e dei servizi socioassistenziali, alle guardie giurate, ai collaboratori familiari, fino ai dipendenti delle istituzioni, delle agenzie di scommesse e delle case da gioco, i civili delle basi americane e Nato).

Settori tra i quali figurano alcuni pesantemente colpiti dalla crisi pandemica.

L’assemblea, dal titolo “Insieme nelle grandi transizioni. Sostenibilità, giustizia, lavoro e competenze”, chiama a raccolta 150 delegati degli oltre 900 totali in prima linea in tutte le sette province della regione, di cui più di 500 le donne e 60 i giovani under 35. L’appuntamento, oltre a designare i componenti del nuovo Consiglio generale che nominerà il segretario generale alla guida della federazione regionale per i prossimi quattro anni, sarà l’occasione per definire le priorità e le azioni da intraprendere per sostenere i settori trainanti della nostra economia e l

’occupazione del territorio, in particolare rafforzando il sistema di tutele dei lavoratori e delle lavoratrici in un contesto difficile e di grandi transizioni come quello attuale.

Nella giornata d’inizio, oggi, dopo le procedure congressuali di rito, alle ore 10 la relazione della segretaria generale Maurizia Rizzo a nome della Segreteria; a seguire il saluto del sindaco di Castelnuovo del Garda Giovanni Dal Cero e di alcuni rappresentanti della Regione del Veneto, oltre naturalmente ai responsabili delle associazioni di categoria di riferimento per Fisascat e ai segretari di Filcams Cgil, Uiltucs, Uiltrasporti e Funzione Pubblica Cgil e Uil.

I lavori continueranno nel primo pomeriggio con la presentazione della ricerca “Una fotografia in movimento di Fisascat Veneto” a cura Di Francesco Peron e Stefano Dal Pra Caputo della Fondazione Corazzin: un’analisi sulle dinamiche degli ultimi anni e le tendenze del territorio veneto in termini di occupazione nei diversi settori d’interesse di Fisascat. L’indagine sarà il punto di partenza per un dibattito a più voci che vede intervenire: Eugenio Gattolin, direttore di Confcommercio Veneto, Flavio Convento, componente della Giunta regionale di Confesercenti Veneto, Italo Candoni, direttore di Ebit-Federturismo (Confindustria), Erica Dal Degan, vicepresidente di Confcooperative Veneto, Loris Cervato, responsabile del settore sociale di Legacoop Veneto, Roberto Sartore, presidente di Confprofessioni Veneto, e infine Gianfranco Refosco, segretario generale di Cisl Veneto, e Davide Guarini, segretario generale nazionale di Fisascat Cisl.

Domani, (venerdì 17 dicembre), il Congresso proseguirà con i lavori e le votazioni, che porteranno all’elezione del segretario generale e della segreteria; eletti anche i delegati al secondo Congresso di Fist Cisl Veneto (federazione che recepirà l’accorpamento di Fisascat e Felsa) e al Congresso nazionale di Fisascat.