Imprese | 15 dicembre 2021, 14:40

Studio Marchi evolve e aggiunge al suo nome «Ingegneria d'Impresa»

La boutique di ricerca e selezione del personale, fondata a Verona da Gilberto Marchi nel 1986, assume una nuova denominazione e aggiorna il modello di business grazie anche all'intervento di Phoenix Capital. Socio di maggioranza e amministratore della nuova società è l’ingegner Sandro Bordato.

Studio Marchi evolve e aggiunge al suo nome «Ingegneria d'Impresa»

Nel quadro di un ampio progetto di sviluppo, Studio Marchi, storica boutique di ricerca e selezione del personale, fondata a Verona da Gilberto Marchi nel 1986, evolve la propria compagine societaria e il modello di business ed assume la denominazione di Studio Marchi – Ingegneria d’impresa, ereditando l’eccellente reputazione dello Studio attivo in Italia e all’estero in tutti gli ambiti merceologici, con particolare riguardo al settore vinicolo e del food.

L’operazione, condotta in accordo con Gilberto Marchi, vede entrare come socio di maggioranza e amministratore, l’ingegner Sandro Bordato e come partner di sviluppo Phoenix Capital, polo di consulenza manageriale e servizi tecnologici, guidato dal presidente Giulio Fezzi

Lo Studio Marchi si è distinto negli anni su più livelli: nella sartorialità dell’approccio di recruiting e selezione delle risorse umane, soprattutto in riferimento a profili direzionali e di middle management; nella consulenza integrata; nell’accompagnamento aziendale per l’inserimento e sviluppo delle risorse umane; infine, nell’intervento su bilanci di competenze, percorsi di carriera, riposizionamento e riqualificazione lavorativa anche in specifiche aree aziendali.

Il progetto di sviluppo amplifica e mette a sistema questa esperienza professionale di livello in ambito HR con le expertise imprenditoriali di Sandro Bordato e la capacity in ambito ‘capitale umano’ del modello Phoenix, che si accompagna a quella più propriamente manageriale, finanziaria e tecnologica. In particolare, l’operazione intende rafforzare e ampliare il fronte consulenziale dello Studio per rispondere, attraverso tecniche di facilitazione e l’attivazione di nuovi servizi, alla richiesta di intervento sui modelli organizzativi delle aziende per la valutazione, l’analisi e l’efficientamento dei sistemi e delle strutture interne - sia sul fronte delle risorse umane, sia sui processi aziendali e sulla transizione digitale -, “stressati” dalle conseguenze a lungo termine dei forti cambiamenti accelerati dalla situazione attuale.

L’operatività strategica e la gamma di iniziative e servizi offerti andranno così ad ampliare il perimetro di business, la qualità della proposta e il posizionamento dello Studio Marchi – Ingegneria d’impresa.

«In un contesto lavorativo iperattivo come l’attuale - ha detto Sandro Bordato, coordinatore dell’operazione - lavorare sul capitale umano è fondamentale. L’unione tra l’approccio sartoriale dello Studio Marchi in tema HR, la mia personale esperienza imprenditoriale in settori tecnologici altamente innovativi, caratterizzati dal cambiamento continuo – quasi frenetico - e l’ampia gamma di servizi offerti da Phoenix Capital, è base solida per uno sviluppo dell’intero progetto, che sarà caratterizzato da innovazione e concretezza e orientato alla “gestione del cambiamento” per far ottenere ai nostri clienti risulti veloci e duraturi nel tempo».

«Il mondo delle risorse umane è cambiato velocemente in questi anni – la sottolineatura di Gilberto Marchi - e il consolidamento dello smart working ne è un esempio. Ci viene chiesta una ricerca diretta e tempestiva sulle risorse umane e un approccio integrato nelle aziende in cui andiamo ad inserirle. Oltre la “semplice” selezione occorre offrire servizi aggiuntivi, anche specialistici, di valorizzazione del capitale umano e di analisi ed efficientamento dei processi interni aziendali. Abbiamo reputazione, esperienza ed un vasto patrimonio di relazioni e contatti nei settori più diversi, valori che oggi vanno rivestiti di innovazione, curiosità ed intraprendenza. L’entrata nello Studio di Sandro Bordato e di Phoenix Capital crea un ancoraggio importante per rispondere a questa evoluzione del mercato».

«La compartecipazione a questa importante iniziativa di Sandro Bordato e di Gilberto Marchi - ha commentato Giulio Fezzi - oltre ad inserirsi nel percorso di valorizzazione di esperienze e competenze del nostro tessuto industriale e di servizi, rappresenta una vera opzione strategica di arricchimento “verticale” del nostro portafoglio di offerta e, nel contempo, un passo deciso verso l’ampliamento multi settoriale del nostro target di clientela potenziale, finora focalizzato principalmente sulla clientela istituzionale e finanziaria».