Associazioni | 14 dicembre 2021

Da domani al via il 21esimo congresso dei metalmeccanici veronesi

“Metal-Change: il senso della rappresentanza nella società delle transizioni” è il titolo scelto per l'appuntamento della FIM Cisl. A Cerea, domani e giovedì, verranno eletti i nuovi rappresentanti del sindacato di settore

Da domani al via il 21esimo congresso dei metalmeccanici veronesi

“Metal-Change: il senso della rappresentanza nella società delle transizioni”, questo il titolo scelto dai metalmeccanici della FIM Cisl di Verona per il loro 21esimo congresso che prenderà il via domani e giovedì (15 e 16 dicembre) nell'Area Exp a Cerea, antica fabbrica di concimi.

Lo stabile è stato abbandonato nel 1988 e oggi è tornato a essere utilizzabile grazie a un riuscito recupero architettonico e ambientale ad opera dell’amministrazione Comunale.

I 119 delegati al congresso, provenienti dalle aziende metalmeccaniche veronesi, eleggeranno i nuovi organismi, tra cui consiglio generale e segreteria della federazione sindacale.

Una due giorni ricca di ospiti e di contenuti in cui il sindacato ragionerà sulle sfide presenti e future che interessano la nostra società e il mondo in cui viviamo.

«Il 21° congresso della Fim di Verona si caratterizzerà sul tema delle transizioni: digitale, ecologica, energetica, demografica e del lavoro - dichiara Adriano Poli, Segretario Generale uscente che si ricandida per la guida della FIM di Verona -. E' fondamentale svolgere appieno il nostro ruolo di attori protagonisti nel mondo del lavoro: solo contrattando modelli innovativi e partecipativi potremmo rappresentare al meglio gli interessi dei lavoratori metalmeccanici scaligeri e sono certo che il dibattito di questi due giorni scaturirà in idee e progettualità. Sarà poi compito di tutti noi metterlo in pratica nelle aziende, con i nostri Rsu ed i nostri Rls».

Parteciperanno ai lavori congressuali, oltre al Segretario Generale della Cisl di Verona Giampaolo Veghini e la sua segreteria, il Segretario nazionale della FIM Cisl Valerio D’Alo’ e Alessandro Rosina, professore ordinario di demografia all’Università Cattolica di Milano che si confronterà con altri ospiti - tra cui Fabio Streliotto della Società di Welfare Innova sul tema della transizione demografica nella mattinata del 16 dicembre.