Green | 10 dicembre 2021, 11:35

Fondo crescita sostenibile: approvato accordo dalla Regione

La giunta approva l'accordo presentato da Enel Green Power per il progetto NAUTILUS che prevede una svolta per il settore delle energie rinnovabili grazie alla messa a punto di celle solari. Prevista la partnership con l'azienda padovana Rise Technology S.r.l

Fondo crescita sostenibile: approvato accordo dalla Regione

La giunta regionale ha approvato oggi la delibera relativa all’accordo per l’innovazione a sostegno del progetto presentato da Enel Green Power S.p.A., denominato “NAUTILUS – Nuovi e Automatizzati prodotti e processi per celle solari ad eterogiunzioni in Silicio”.

L’iniziativa, sostenuta dal Fondo per la Crescita Sostenibile, è attuata da una partnership che comprende l’azienda Rise Technology S.r.l. localizzata in territorio regionale a San Martino di Lupari (PD) ai quali sono attribuiti alcuni dei costi di sviluppo sperimentale di progetto.  

«La Regione del Veneto continua l’impegno a sostegno delle imprese venete che hanno coraggio di investire in maniera convinta nell’innovazione – sottolinea Roberto Marcato, assessore regionale allo sviluppo economico ed energia –.  Nel caso specifico supportiamo un’impresa della provincia di Padova che, da sempre, si distingue nel campo delle energie rinnovabili. In un momento come questo, in cui anche l’opinione pubblica si è resa conto che serve programmare a lungo termine per attuare concretamente i principi della green economy, diamo il via ad un progetto di ampio respiro che punta tutto sull’efficienza energetica».

L’impresa Rise Technology S.r.l. opera nel campo della fabbricazione di macchine e linee di produzione per i settori del fotovoltaico e dei semiconduttori, in possesso di tecnologie proprietarie brevettate, sia di processo sia di prodotto, ed interamente ideate, studiate e sviluppate internamente.  

Il progetto prevede lo sviluppo di celle solari in grado di minimizzare il costo attualizzato dell’energia, ossia il LCOE (Levelized Cost of Energy), rispetto alle tecnologie oggi presenti in commercio intervenendo, quindi, in un ambito di grande interesse, sia per le applicazioni “utility scale” (grandi impianti solari), che per il mercato residenziale e le soluzioni legate all’integrazione architettonica nei moderni edifici (Building Integrated Photo-Voltaics – BIPV).