Lavoro | 01 dicembre 2021

Istituto Anziani Verona. Sonia Todesco: «Siglato l'accordo sulla produttività 2020»

La Segretaria di FP CGIL Verona, ospite questa sera a Verona Economia, ha confermato quanto trapelato ufficiosamente nelle scorse ore sull'erogazione della produttività ai lavoratori, ai quali andranno circa 500 euro a testa.

Istituto Anziani Verona. Sonia Todesco: «Siglato l'accordo sulla produttività 2020»

Giornata importante quella di ieri, 30 novembre, per i lavoratori dell'Istituto Assistenza Anziani di Verona. La Segretaria di FP CGIL Sonia Todesco, ospite della trasmissione Verona Economia, conferma che la sigla sindacale che rappresenta, assieme a  CISL FP - CSA e la RSU aziendale, ha sottoscritto l'accordo sull'erogazione della produttività ai lavoratori. 

Sarebbero state totalmente accolte dalla Delegazione di parte pubblica le richieste dei sindacati: saranno, infatti, erogati i 39.000 euro (assieme ai 223.776 euro anno 2020) di residuo del fondo 2019 che l'ente aveva annunciato (nel precedente incontro) non essere più disponibili; c'è stata anche la revisione della Determinazione dirigenziale n. 82 del 8 marzo 2021 con inserimento dei 39.000 euro nel Fondo anno 2020; fissato poi al 13 dicembre p.v. l'incontro per la definizione dell'utilizzo delle risorse 2021.

 

Inoltre, FP CGIL-CISL FP-CSA ed RSU hanno chiesto l'assegnazione delle Progressione Economiche Orizzontali con decorrenza 1.1.2021; stralciato dall'accordo il rinvio al 2022 delle Progressioni Economiche erogazione della produttività nella busta paga di Gennaio 2022 

«Non dimentichiamo che l'ente ha decurtato il Fondo dei lavoratori anno 2019 di 47.330 euro senza alcun accordo. - spiega Todesco - Somme che vogliamo recuperare. Non dimentichiamo neppure che l'ente, non avendo effettuato le valutazioni (pagelle) al personale per gli anni 2017- 2018-2019, ha reso impossibile l'assegnazione delle PEO al 1.1.2020 creando un notevole danno. Nessun danno invece per le Posizioni Organizzative per le quali si è fatta senza problemi la valutazione. «Accerteremo naturalmente responsabilità e danno».

La nota sottolinea anche che l'ente deve ancora rispondere, «nonostante l'impegno del Presidente a risponderci dopo la seduta del CdA del 19.11.2021, alla richiesta di FPCGIL-CISLFP-CSA di sospendere la trattenuta dei 50 euro dalla busta paga dei lavoratori a fronte della sentenza del Tribunale di Verona (Giudice Gesumunno) su pari questione successa all'IPAB di Cerea; e ancora che l'ente ha aperto un contenzioso nei confronti dei lavoratori chiedendo loro di restituire risorse del Fondo assegnate con accordi di oltre 20 anni fa». 

L'ente non starebbe rispondendo alla proposta di conciliazione avanzata dal Giudice Gesumunno lasciando i lavoratori nelle mani di Organizzazioni Sindacali che spingono per conciliazioni a perdere; l'Istituto Assistenza Anziani, infine,  ha intrapreso la strada dello scontro verso le Organizzazioni Sindacali rappresentative presenti nell'ente (FP CGIL - CISL FP - CSA)

Matteo Scolari