Imprese | 30 novembre 2021

Business dei supermercati: la veronese Migross acquista Cash & Carry

Concluso l'affare da oltre 31milioni: la scaligera Migross è la nuova proprietaria di 8 punti vendita all'ingrosso "Cash e Carry". Si è aggiudicata gli immobili nella procedura competitiva del concordato preventivo. L'operazione salvaguarda il 100% dei lavoratori.

Business dei supermercati: la veronese Migross acquista Cash & Carry

Si è tenuto ieri alla presenza del notaio Francesco Ambrosini il trasferimento della proprietà degli 8 punti vendita all’ingrosso “Cash & Carry” da l’Alco Grandi Magazzini Spa alla veronese Migross Spa che si è aggiudicata il ramo d’azienda e gli immobili nella procedura competitiva del concordato preventivo.

Sono 211 i lavori occupati, pari al 100% della forza lavoro, i cui posti di lavoro sono salvaguardati dall’operazione, come previsto dall’accordo sottoscritto con le organizzazioni sindacali.

Per l’acquisto Migross ha riconosciuto il prezzo complessivo di 31,5milioni, di cui 8,55milioni per l’acquisto del ramo d’azienda e 22,95milioni per l’acquisto di 6 immobili, come previsto dalla base d’asta della procedura competitiva.

L’acquisizione rappresenta il primo passo a conferma dei piani e delle proposte di concordato depositati lo scorso 5 ottobre al Tribunale di Brescia dal Gruppo l’Alco, il cui ammontare debitorio è di circa 200milioni di euro: 137 a carico di l’Alco Spa e 62milioni di Grandi Magazzini Spa.

Un percorso confermato lo scorso 8 novembre con l’aggiudicazione al Gruppo Conad di 17 supermercati e 4 immobili di l’Alco Spa per 23milioni e 700mila euro, un importo superiore a quello dell’offerta base di 17milioni previsto nella procedura competitiva. Anche questa aggiudicazione ha salvaguardato 250 posti di lavoro.