Imprese | 16 novembre 2021

Gruppo Collis racconta "Storie di vite"

Il consorzio cooperativo veronese, che sa solo rappresenta circa il 10% della viticultura veneta con 2000 socie, ha deciso di lanciare un progetto digitale per raccontare i valori fondanti ancora radicati in campagna.

Gruppo Collis racconta "Storie di vite"

Sono 2000 i soci del Consorzio Cooperativo vitivinicolo Collis, 2000 storie di vita che il progetto digital del Gruppo ha voluto sintetizzare in quindici diversi profili scelti come campionatura rappresentativa della compagine. È nato così STORIE DI VITE, una raccolta di videoclip per conoscere da vicino chi sono i viticoltori, qual è il loro rapporto con la terra, quali sono i valori che li guidano.

Per un gruppo che rappresenta circa il 10% della viticultura veneta i numeri hanno sempre rappresentato un linguaggio di sintesi efficace per comunicare dimensioni, organizzazione, produzione, presenza sui mercati, ma la vera ricchezza di Collis, è il suo patrimonio umano. 

Si voleva un racconto vero, autentico, contemporaneo della vita in campagna, lontano dalla retorica e dagli stereotipi più comuni e in tema di narrazione un importante riferimento in Italia è la Scuola Holden di Baricco, tempio dello storytelling e delle arti performative. Guidati da Alessandro Garofalo, esperto di innovazione e docente della Scuola, il progetto ha preso forma sotto la regia di Mattia Venturi e le riprese di Lorenzo Romoli, ex studenti Holden che hanno fatto del racconto il centro dei loro progetti creativi.

Si è mappato con l’aiuto degli agronomi il territorio fra le colline della Val di Illasi e di Colognola ai Colli, i dolci declivi dei Colli Berici, la piana di Arcole e quella di Merlara, un percorso che ha attraversato distese di filari, orti, frutteti, oliveti, allevamenti di bestiame fino ad entrare nelle case per conoscere da vicino i soci più anziani ma anche le terze generazioni, il marito che segue la vigna nel dopo lavoro con l’aiuto della moglie, i giovani viticoltori confinanti che si aiutano in tempo di vendemmia. 

Qui un'anticipazione con la storia del socio Mario Avogaro.

Uno spaccato di vita rurale che, grazie alla spontaneità dei protagonisti, lascia chiaramente intendere quanto siano ancora radicati in campagna valori fondanti come l’unità della famiglia, la solidarietà, il rispetto verso la natura e verso gli altri, la sostenibilità. E la fiducia, quella nell’organizzazione del Consorzio a cui appartengono che li guida nelle buone pratiche in vigna per garantire loro il giusto riconoscimento per il lavoro di un anno, ma anche prospettive solide per il futuro grazie ad organizzazione commerciale capace di promuovere l’alta qualità dell’enologia veneta nel mondo.

I video racconti rappresentano il focus dei contenuti previsti nel sito di neo realizzazione in cui Collis Veneto Wine Group ha scelto di raccontarsi anche attraverso testimonianze di vita vera, saranno pubblicati sul profilo Linkedin e sul canale Youtube del Gruppo e veicolati con messaggi mirati a clienti e distributori esteri. Alle clips seguiranno sei podcast, uno per ogni valore fondante di Collis, in cui una voce narrante si intreccerà con il racconto dei soci per arrivare a sigillare dalla loro voce i pilastri che reggono un consorzio cooperativo tanto articolato.