Associazioni | 21 ottobre 2021

Bonus Terme. Paolo Dell'Omo: «Occasione importante per far conoscere le nostre strutture»

Il presidente dell'Associazione Italiane Saune e Augfuss interviene ai microfoni di Verona Economia per commentare il recente provvedimento del governo per incentivare la ripresa del settore.

Bonus Terme. Paolo Dell'Omo: «Occasione importante per far conoscere le nostre strutture»

Il settore dei centri benessere, delle saune, in generale del wellness è tra quelli che ha pagato di più per l'arrivo della pandemia. Dopo lunghe chiusure e forti limitazioni relative alla capienza, sembra essere tornata una certa serenità tra gli operatori, addolcita da una manovra straordinaria attuata dal MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, che ha messo sul piatto un plafond di 53 milioni di euro, erogabili attraverso dei buoni da 200 euro cadauno, ottenibili da tutti i cittadini italiani (fino ad esaurimento). 

Per parlare di questi temi e del Bonus Terme abbiamo avuto ospite in redazione Paolo Dell'Omo, presidente di AISA, Associazione Italiane Saune e Augfuss.

Presidente, innanzitutto spieghiamo cos'è AISA.

L’associazione di fatto è un trait d’union tra quelli che sono i centri benessere, i centri termali e poi gli utilizzatori. Cerchiamo di promuovere questo ambiente wellness a tutti i potenziali gestori che hanno clienti vogliosi di provare questo tipo di benessere che se riusciamo finalmente a erogare dopo tanti mesi di chiusura.

Dal primo luglio siamo ripartiti abbastanza bene, il settore ha sofferto tanto e adesso le persone che arrivano nei centri, che sono associati da noi, ma anche in tutti gli altri centri, cominciano veramente a prendere possesso di questa sensazione di benessere.

Allora le saune le conosciamo tutti ma l'Augfuss un po’ meno. Spieghiamo cos'è questa disciplina che ha addirittura un campionato del mondo.

Un campionato italiano, un campionato del mondo… è una disciplina semplice da spiegare, ma è difficile da rendere l'emozione e quello che si prova, per cui invito tutti voi a venire in uno dei nostri centri a provare questa pratica. Di fatto il maestro di sauna gestisce il pubblico che arriva all'interno della sauna e inizia questa pratica prendendo delle palle di ghiaccio, in cui sono intrisi degli oli essenziali che devono essere biologici e puri al 100%, poggia la palla di ghiaccio sul braciere che ovviamente è bollente, si liquefa il ghiaccio, si scatena vapore e trascina con sé gli oli essenziali. Il maestro poi a ritmo di musica, perché soltanto solitamente c'è anche la musica di sottofondo, con l'asciugamano porta caldo e benessere agli ospiti.

Importantissimi sono gli oli essenziali che si usano ci possono dare relax, possono darci energia, possono migliorare la respirazione perché sono dei veri e propri principi attivi. Ecco perché vanno utilizzati bene dal maestro di sauna ci sono e vanno presi quegli oli che sono assolutamente certificati e biologici.

Bonus terme, come avete accolto questa iniziativa del Ministero per lo sviluppo economico?

È un provvedimento meraviglioso perché permette a qualsiasi cittadino di andare nel centro termale, e benessere, e chiedere la prestazione che vorrebbe, scontando fino a 200 euro. Credo che sia veramente un grande vantaggio per coloro che hanno la curiosità o la voglia di provare i trattamenti, un'occasione d'oro e credo che tutti dovrebbero iniziare a bussare alle porte dei centri per iniziare ad apprezzare i servizi offerti da queste strutture.

Per le strutture c'è un periodo per l'accreditamento delle strutture, giusto?

Le strutture si devono accreditare dal 29 di ottobre fino all'8 di novembre però possono già in teoria pre-registrare i clienti che poi vorranno scaricare il buono

Buono che vale per tutte le prestazioni che quel centro può erogare, corretto?

Vale per quei servizi che eroga quella struttura.

Quando potranno scaricare il buono i cittadini?

Dall'8 novembre si può iniziare poi a ricevere il buono che di fatto sarà scontato direttamente dalla struttura che poi riceverà il rimborso da parte dello Stato.

Un'iniziativa importante anche perché il vostro settore, con le chiusure, ha pagato tanto lo scotto.

Ha pagato tantissimo, siamo rimasti chiusi nel primo lockdown, poi siamo abbiamo riaperto con tantissima cautela e dopo, pur avendo adeguato i centri tutti i protocolli, di nuovo la chiusura. Oggi abbiamo ancora una partita da giocare che è quella della riapertura al 100% dei centri benessere perché si aprono i cinema e i teatri, come è giusto che sia, allora sia data la possibilità anche ai nostri centri visto che ora abbiamo anche il Green pass.

A proposito di Green Pass, cosa ne pensa?

Noi siamo estremamente favorevoli e vediamo anche che le persone che vengono nei nostri centri sono molto più tranquille e devo dire che noi ci aspettavamo non un decremento, ma un incremento e così è stato: pur avendo le capacità di accoglienza clienti limitate, perché oggi abbiamo delle capienze limitate secondo decreto, le riempiamo tutte. Adesso speriamo di ricevere una buona notizia per avere un incremento ulteriore.

Matteo Scolari