Lavoro | 01 ottobre 2021

Green Pass e lavoro: aggiornamenti

Fino al 31 dicembre 2021 obbligo di Green pass per l’accesso a tutti i luoghi di lavoro pubblici e privati. Multe salate per violazioni, fino a 1500euro. La validità dei test molecolari viene estesa a 72 ore mentre resta confermata quella dei test antigenici rapidi, 48 ore. Tamponi gratuiti per disabili o persone fragili

Green Pass e lavoro: aggiornamenti

Il Governo Draghi a partire da venerdì 15 ottobre introduce misure urgenti per l’introduzione dell’obbligo della certificazione verde (green pass) per l’accesso nei luoghi di lavoro sia pubblici che privati.

 Fino al 31 dicembre 2021 il possesso e l’esibizione del Green pass diventano obbligatori per l’accesso a tutti i luoghi di lavoro pubblici e privati nei quali il personale svolge l’attività lavorativa, compresi i lavoratori con contratti esterni, per coloro impegnati in attività di formazione e per i volontari.

Chi non possiede o è privo di Green pass al momento della richiesta non può in nessun modo accedere al luogo di lavoro. Nello specifico per il personale del settore pubblico, tale condizione è considerata assenza ingiustificata e dal quinto giorno viene sospesa l’attività lavorativa.

Per il personale del settore privato, la sospensione è immediata. Nel periodo di sospensione non sono dovute retribuzioni e altri compensi o emolumenti. La sospensione dell’attività lavorativa non è qualificabile come sanzione disciplinare, viene quindi conservato il rapporto di lavoro.

La violazione dell’obbligo da parte del personale è punita con una multa dai 600 ai 1.500 euro che può essere aumentata in caso di contraffazione del documento.

La validità dei test molecolari viene estesa a 72 ore mentre resta confermata la validità dei test antigenici rapidi a 48 ore.

Infine per quanto riguarda l’uso dei tamponi: saranno gratuiti per le persone con disabilità o in condizioni di fragilità che non consentono la vaccinazione, a fronte di idonea certificazione medica rilasciata da medici vaccinatori di medicina generale. Per tutti gli altri soggetti i prezzi saranno calmierati: 8 euro per i minorenni, 15 euro per i maggiorenni.

Emiliano Galati