Imprese | 27 settembre 2021

PMI: lo zoccolo duro dell'economia veneta

La Regione cresce dell'1,2% in più rispetto alla media del PIL nazionale grazie alle PMI che rappresentano l'80% del comparto.

PMI: lo zoccolo duro dell'economia veneta

Sono 430mila le imprese attive in Veneto e di queste 124mila sono imprese artigiane.

«Una colonna portante dello sviluppo economico regionale – Roberto Marcato, assessore allo sviluppo economico-. Se oggi la nostra Regione cresce di un 1,2% in più rispetto alla media del Pil nazionale, questo lo dobbiamo anche alle imprese artigiane Venete. Ricordo, infatti, che le PMI con meno di 15 dipendenti rappresentano quasi l’80% dell’intero comparto e sono la testimonianza concreta del saper fare Veneto».

È il commento dell’assessore Marcato in occasione del Consiglio Elettivo della CNA Veneto e alla tavola rotonda dedicata al mondo delle PMI.

«La ripartenza post pandemia ha bisogno anche di guide e credo che il neoeletto Presidente di CNA Veneto, De Col, saprà ricoprire questo prestigioso incarico – ha continuato l’assessore regionale all’Economia -. L’economia regionale è stata veramente messa a dura prova dalla pandemia e, oggi, abbiamo una occasione straordinaria per rilanciare il nostro tessuto produttivo. Continueremo a investire su due principali direttrici: la digitalizzazione e le Reti Innovative Regionali per incentivare e sostenere la nascita di aggregazioni di imprese».

Le nuove esigenze dello smart working e della didattica a distanza richiedono un’accelerazione nella diffusione delle infrastrutture e della copertura internet.