Imprese | 17 settembre 2021

Mor: «Vogliamo essere un punto di riferimento»

In occasione del focus speciale sulle auto e i motori, ai microfoni di Verona Economia Stefano Mor, direttore generale Vicentini spa, gruppo di riferimento per Porsche Holding. Evoluzione di mercato, trend e frontiere di guida autonoma oltre al green e al digitale: questi i temi presi in esame

Mor: «Vogliamo essere un punto di riferimento»

Spinta green e digitalizzazione sono le due nuove frontiere del mercato dell’auto. L’obiettivo è stare al passo con i tempi e anticipare il futuro che corre veloce sulle quattro ruote.

A fare il punto della situazione e stilare il bilancio di chiusura dell’Automotive Dealer Day 2021, Stefano Mor, da tre anni Direttore Generale del Gruppo Vicentini.


Approda a Verona dopo un’esperienza di due anni come General Manager dei Centri Porsche di Bologna, Modena e Mantova e, prima ancora, come Direttore Post Vendita in Mercedes-Benz Roma.

Vicentini spa è una concessionaria storica con una fitta rete sul territorio veronese da oltre quarant’anni: Il 2018 è l’anno della trasformazione, quando Vicentini entra a far parte del gruppo Eurocar Italia controllata da Porsche Holding, azienda austriaca del gruppo Volkswagen.

«Evento ricco e denso di contenuto dopo due anni di stallo, l’Automotive Dealer Day è stato un importante momento di confronto -fa il punto Stefano Mor-. Abbiamo misurato la temperatura di un settore in continua evoluzione. Uno dei temi presi in esame è il cambiamento meccanico-tecnico che le stesse auto stanno vivendo passando dalla guida autonoma, digitalizzazione ed elettrificazione. Altro argomento di discussione sono state le modalità con cui, in futuro, le vetture verranno distribuite sul mercato. Un’occasione per confrontarsi con colleghi e competitor, stabilire il punto del settore e le traiettorie da percorrere per affrontare le nuove sfide imprenditoriali».

Un mercato, quello dell’auto, sottoposto a continue evoluzioni con lo scopo di rispondere a richieste crescenti e standard qualitativi sempre maggiori non solo in tema green e digital: «Il focus dirompente è quello dell’elettrificazione a cui vanno aggiunte le sfide della guida autonoma. Barriere che dovranno essere abbattute da un punto di vista costruttivo-tecnico e di distribuzione».

Inoltre, il sistema tradizionale della concessionaria sta subendo delle modificazioni: «Se prima lo showroom era il primo momento di contatto con il cliente, oggi per buona percentuale avviene online -prosegue Mor-. In seconda battuta si passa a una conoscenza fisica del prodotto attraverso il confronto con il venditore. Un setting di vendita destinato ad essere dominante ma che, a parer mio, non si sostituirà pienamente al rapporto fisico. L’organizzazione aziendale sarà determinante per il successo e la sopravvivenza del mercato del futuro».

Vicentini spa è una fucina di idee e cambiamenti attualmente concentrata sulla ripresa economica dal momento in cui, quello della auto come ogni altro settore, è stato fiaccato dall’emergenza sanitaria: «Gli investimenti aziendali si diversificano su tre pilastri, primo di tutti il capitale umano come elemento precipuo per il valore di un’azienda. Cerchiamo giovani talenti con voglia di fare animati dalla passione per le auto e il relativo mercato, un mondo dinamico e affascinante. Il secondo elemento al centro del lavoro quotidiano di Vicentini è la comunicazione e il contatto con il cliente; non ultimo, la presenza sul territorio. Vogliamo essere un punto di riferimento».

Erika Funari