Economia - 28 luglio 2021, 11:20

Approvato il nuovo bando per 25 distretti commerciali

Approvato il nuovo bando che destina cinque milioni di euro ai Distretti del Commercio che non hanno partecipato ai precedenti bandi, in quanto hanno ottenuto il riconoscimento in un momento successivo.

Roberto Marcato

Roberto Marcato

«Ho fortemente voluto questo bando perché la pandemia ha messo in forte difficoltà soprattutto i piccoli esercenti, quelli che hanno attività commerciali vitali all’interno delle realtà minori. La scelta della Regione di sostenere con 5 milioni di euro progetti di rilancio dei centri urbani attraverso il commercio va nella direzione di sostenere i distretti del commercio come volano per la ripresa economica dei settori del commercio, della ristorazione, dell’intrattenimento e del terziario, favorendo l’avvio di nuove attività e la ripresa di quelle sospese». 

Così l’Assessore regionale allo sviluppo economico Roberto Marcato annuncia l’approvazione da parte della Giunta regionale del nuovo bando che destina 5 milioni di euro ai Distretti del Commercio. Nello specifico, l’iniziativa è dedicata ai Comuni che non hanno partecipato ai precedenti bandi, in quanto hanno ottenuto il riconoscimento in un momento successivo. In totale si tratta di 24 Distretti, che comprendono complessivamente 50 amministrazioni comunali di quasi tutte le province, ai quali va aggiunto il distretto di Recoaro Terme che, pur avendo i requisiti, non ha partecipato al bando del 2019.

 

I distretti a Verona

 

  • Distretto del commercio di Povegliano Veronese
  • Distretto delle terre di Valpolicella (San Pietro in Cariano, Dolcè, Fumane, Marano di Valpolicella, Negrar di Valpolicella, Pescantina, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Sant’Anna d’Alfedo)
  • Polo commerciale bardolinese (Bardolino)
  • Poli commerciali città di Oppeano
  • Polo commerciale Arilicense (Peschiera del Garda)
  • Distretto della collina veronese (Affi, Cavaion Veronese, Costermano del Garda, Pastrengo)
  • Polo commerciale legnaghese (Legnago)

«Il bando è frutto di una stretta collaborazione e di un grande lavoro con le associazioni del mondo del commercio e con i Comuni – commenta ancora l’Assessore Marcato -. Una sinergia che ha permesso di dettagliare al meglio la proposta e di individuare le linee sulle quali indirizzare i finanziamenti». 

I progetti - per un investimento minimo di 200mila euro ciascuno - dovranno favorire: processi di rigenerazione e riqualificazione urbana; la transizione ecologica e lo sviluppo sostenibile dei territori; processi di transizione digitale; l’innovazione e la modernizzazione nelle imprese; azioni di marketing e brand urbano e territoriale; azioni di contrasto al fenomeno delle chiusure delle attività commerciali e alla conseguente desertificazione del centro storico e urbano.

Saranno finanziabili spese di progettazione, di incarico al manager di distretto; interventi di rigenerazione e riqualificazione urbana e transizione green; rilancio, modernizzazione, innovazione e digitalizzazione dell’offerta commerciale; comunicazione e animazione del territorio e miglioramento dei servizi legati all’accoglienza turistica.

Una novità rispetto al precedente bando prevede che almeno il 30% del contributo concesso a ciascun distretto, pari a 250.000,00 euro, sia destinato obbligatoriamente alle imprese individuate dai Comuni tramite procedure ad evidenza pubblica. Tali risorse verranno anticipate dalla Regione direttamente ai Comuni proprio per assicurare alle imprese la rapida erogazione dell’aiuto regionale.

Il bando sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della regione del Veneto e sul sito istituzionale: bandi.regione.veneto.it e le domande di finanziamento dovranno essere presentate dai Comuni entro il 5 ottobre 2021 secondo le modalità dettagliatamente indicate nel bando.

SU