Associazioni | 20 luglio 2021

Confcommercio Verona: assemblea di bilancio e progetti per la ripartenza

L'Associazione stila la relazione sugli ultimi 12 mesi di attività e fa il punto sull'andamento del terziario. Digitale, sostenibilità, formazione e defiscalizzazioni sono gli obiettivi del prossimo futuro

Confcommercio Verona: assemblea di bilancio e progetti per la ripartenza

Il presidente Paolo Arena e il direttore generale Nicola Dal Dosso hanno presentato le azioni intraprese da Confcommercio Verona a tutela degli associati nei mesi clou dell'emergenza Coronavirus evidenziando come «di fronte alla drammaticità della situazione, senza precedenti, sia emersa l’importanza delle Associazioni di categoria».

I numeri lo testimoniano:  Confcommercio Verona, al netto della natimortalità, ha infatti associato oltre 156 nuove imprese nel 2020 e 98 nel primo semestre di quest’anno. «Abbiamo reagito all'emergenza potenziando il supporto e i servizi ai soci", ha sottolineato Arena. "In questa difficile fase è emerso che c’è un grande bisogno di attenzione e di ascolto da parte delle imprese, in particolare quelle dislocate nei territori più marginali». 

«Confcommercio ha offerto agli imprenditori un supporto costante, praticamente h24 e sette giorni su sette, sia in termini di ascolto che di risposta rispetto agli innumerevoli decreti e alle ordinanze ministeriali e regionali emanate con effetti fulminei -, ha ricordato Arena -. Nonostante la pandemia, per mezzo dei social, dei webinar e di chat dedicate a territori e categorie, abbiamo diffuso migliaia di comunicazioni e organizzato innumerevoli momenti di confronto. E tramite il nostro Confiditer, siamo riusciti a garantire finanziamenti alle imprese per oltre 25 milioni di euro erogati da inizio pandemia ad oggi». 

Le piccole imprese del commercio e del turismo hanno davanti tre grandi sfide che, se comprese, consentiranno di riscrivere pagine importanti della nostra economia, ha aggiunto il presidente di Confcommercio Verona: «La prima, la capacità di digitalizzarsi rafforzando l’identità di vicinato, la prossimità e il servizio; la seconda, la capacità di sfruttare a pieno la ricchezza di eccellenze dei nostri territori per far crescere i nuovi turismi, non il turismo; la terza la capacità di rimettere al centro della comunità gli interessi delle categorie per contribuire all’evoluzione delle città e dei paesi, tutelandone lo sviluppo e garantendo la necessaria sostenibilità».

La cifra con cui si sta riavviando il comparto che in provincia, a fine 2020, contava oltre 53mila imprese, produceva il 70% del totale del valore aggiunto, con un ammontare di oltre 21 miliardi di euro e dava lavoro a oltre 152mila addetti, non è facilmente sintetizzabile in pochi numeri - ha proseguito nella sua relazione Arena, secondo cui «lo scenario della ripartenza si presenta con luci e ombre, toni molto disomogenei da settore a settore».

Da una  recente ricerca di Confcommercio Verona emerge infatti che per quasi due imprenditori  su tre, per uscire dalla crisi, bisognerà aspettare il 2022, un tempo medio previsto di 18 mesi e poi tutto tornerà come prima, con possibili miglioramenti nel territorio; più di uno su tre, invece, si sente pessimista e ritiene che non si recupererà più la situazione precedente. Il sentiment è molto variabile, con il settore ricettivo (alberghi e pubblici esercizi) che sconta più di altri gli effetti del cambiamento dei consumatori, la ridotta capacità di spesa e la chiusura della circolazione tra paesi, che di fatto ha inciso profondamente sui comportamenti di acquisto e sugli stili di vita.

Per Confcommercio Verona serve sviluppare l’e-commerce, prevedere incentivi per la digitalizzazione, puntare sulla sostenibilità ambientale, assumere nuovo personale con competenze specifiche, investire in formazione, defiscalizzare il lavoro, introdurre strumenti e aiuti per aumentare la liquidità, accedere al credito per fare innovazione.  

E poi serve fare rete: "Mai come in questo momento storico è importante rimanere uniti per tornare a fare impresa come solo noi sappiamo fare", ha concluso Arena. Imprese e Associazioni insieme, insomma.

L'assemblea, infine. ha approvato all'unanimità il bilancio 2021 di Confcommercio Verona e il documento preventivo per il 2021.