Economia | 16 luglio 2021

V-Research: vince il Premio Economia e immagina la Verona del futuro

La Start-up di cybersecurity di Marco Rocchetto, vince il Premio Economia in seno al Premio Verona Network 2021. Un progetto all'avanguardia in campo informatico, di ricerca e sviluppo accademico, di insegnamento

V-Research: vince il Premio Economia e immagina la Verona del futuro

V-Research vince il Premio Economia all’interno del Premio Verona Network 2021. Una realtà innovativa nel campo della sicurezza informatica, un unicum nella città di Verona e un’eccellenza nel campo della cybersecurity. A ritirare il Premio Marco Rocchetto, co-founder di V-Research.

35enne e un prestigioso trascorso accademico e professionale in tutto il mondo: dal Giappone all’America, ha deciso di tornare nella sua città natale e fondare una nuova realtà informatica.

«Sono Veronese e amo la mia città, sono qui le mie radici. Ciò che sono oggi e quello che sto costruendo lo devo per massima parte all’Università di Verona e alla formazione che ho ricevuto. Inoltre, lo stato italiano ha pagato completamente i miei studi. Semplicemente questi mi sembrano dei validi e sufficienti motivi per iniziare proprio qui, in Italia e soprattutto a Verona».

Dopo aver vissuto, studiato e lavorato in tutto il mondo, Marco Rocchetto sogna un futuro a Verona per sé, per la propria famiglia e per V-Research, la sua grande scommessa: «Vorrei che nel prossimo futuro si stabilizzasse un centro di ricerca scaligero in cui ricerca e sviluppo si possano vedere quando si passeggia per strada e non soltanto dovendo volare dall’altra parte del mondo in centri di ricerca creati dai colossi americani».

Un progetto ambizioso di ricerca scientifica e di valorizzazione della città dove potrebbero trovare posto migliaia di ricercatori costretti a trasferirsi all’estero: «Abbiamo tanti progetti in cantiere ma, essendo una realtà appena nata, manteniamo saldi i piedi a terra. Sono contento di aver già ricevuto diverse richieste da parte di varie aziende locali. Molti imprenditori stanno credendo in noi e ci chiedono anche di formalizzare matematicamente ciò che andremmo ad applicare. Questo fornisce un importante stimolo teorico da cui è possibile ricevere un feedback dalla comunità scientifica. È ciò che ci permette di crescere e migliorare».

«Inoltre, stiamo sviluppando i nostri prototipi grazie al supporto di imprenditori lungimiranti. Obiettivo primario nel prossimo futuro è riunire il team che, attualmente, è sparso in tutto il mondo. Abbiamo un unico flusso di risorse per la progettazione richiesta dai clienti e per la ricerca, come secondo step, vorremmo presto differenziare i due ambiti. Ultimo ma non per ultimo, mantenere lo sguardo all’education: la cybersecurity ha una carenza, quella di essere poco compresa e poco studiata. Da qui prende forma la volontà di V-Research di costruire una piattaforma didattica».