Green | 07 luglio 2021

Cimice asiatica all'attacco. Urge il lancio della Vespa Samurai

Per contrastare l'invasione, chiesto alla Regione il lancio urgente della Vespa Samurai. Un metodo biologico per proteggere i frutteti nazionali e garantire il raccolto. 60 dei 106 siti italiani di lancio della vespa sono sul territorio veronese

Cimice asiatica all'attacco. Urge il lancio della Vespa Samurai

«Il ritorno della cimice asiatica, che purtroppo anche quest’anno è presente con numerosi esemplari nei nostri frutteti, rende necessario il lancio urgente da parte della Regione della Vespa Samurai» commenta Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Verona, per quanto riguarda il via libera del Ministero per la Transizione Ecologica per proseguire anche per il 2021 con la sperimentazione relativa all’utilizzo della Vespa Samurai come mezzo di contrasto biologico alla cimice asiatica.

 

La maggior parte dei siti di lancio del parassitoide (Trissolcus japonicus) si trova nella provincia veronese. «Su 106 siti rappresentativi di tutte le aree frutticole regionali - continua Salvagno - circa 60 sono proprio nel territorio scaligero, in particolare nelle zone a nord in cui si coltivano pesche e kiwi e a sud, zona vocata a mele e pere».

 

Inoltre, «dal monitoraggio che per il secondo anno Coldiretti ha organizzato in collaborazione con altri partner - aggiunge il presidente di Coldiretti Verona - rileviamo una presenza consistente della cimice asiatica soprattutto su mele e pere, diversamente dall’anno scorso. Stimiamo che sarà un’annata difficile per la frutticoltura veronese che, dopo essere stata colpita dal gelo, ora è nuovamente vittima dell’insetto alieno».