Enti | 07 luglio 2021

Mantovanelli, Acque Veronesi: «Tutela della risorsa idrica è priorità»

Il presidente di Acque Veronesi ha fatto il punto ai nostri microfoni sulle attività in attivo e quelle in programma per il futuro, grazie ad importanti investimenti messi in campo per la rete acquedottistica e fognaria.

Mantovanelli, Acque Veronesi: «Tutela della risorsa idrica è priorità»

Tra i candidati al premio Verona Network Acque Veronesi, società pubblica che si occupa di gestire il servizio idrico integrato in 77 comuni della provincia di Verona. 

 

In quest’ultimo anno e mezzo, segnato dall’emergenza sanitaria, Acque Veronesi è stata chiamata a garantire un servizio essenziale nonostante le maggiori difficoltà. «Siamo impegnati in un grande piano di investimenti per il miglioramento continuo della qualità dell'acqua, attraverso l'implementazione delle nostre infrastrutture - racconta Roberto Mantovanelli, presidente di Acque Veronesi. - Durante i mesi di emergenza sanitaria abbiamo avuto un iniziale stop dei cantieri ma siamo riusciti a riprendere il lavoro velocemente».

Grande impegno e vicinanza anche verso gli utenti. Nel periodo iniziale della pandemia, infatti, Acque Veronesi ha dato la possibilità a tutti i possessori di Partita IVA di rateizzare i pagamenti delle bollette e successivamente, in accordo con il consiglio di Bacino e con l’altro gestore provinciale della risorsa idrica, Azienda Gardesana Servizi, ha destinato una somma straordinaria al fondo di solidarietà sociale, per aiutare nel pagamento delle bollette gli utenti più in difficoltà. 

L’impegno verso la tutela della risorsa idrica è rimasto e rimane tutt’ora al centro delle attività di Acque Veronesi, che per il futuro guarda in particolare ad investire sugli acquedotti e sulla salvaguardia della risorsa idrica. «Abbiamo all’attivo importanti piani in ottica di sicurezza dell’acqua, in ottemperanza delle normative europee - racconta Mantovanelli - e stiamo inoltre lavorando sulle aree di salvaguardia della risorsa idrica. Importanti anche gli investimenti sulla rete degli acquedotti, per esterne la rete, puntando all'interconnessione e alla digitalizzazione per una riduzione sempre maggiore delle perdite nel medio periodo. Stiamo portando avanti attività importanti anche sulla rete fognaria, sia per prevenire il rischio di crolli su impianti molto datati sia, in collaborazione con gli altri enti interessati, quali comuni, Consiglio di Bacino e Regione Veneto, per ridurre i rischi di sversamento legati alle condizioni meteo estreme».

Un impegno costante frutto della consapevolezza e del senso di responsabilità di gestire una risorsa vitale e limitata. «L’acqua è destinata ad essere un bene sempre più prezioso - conclude Mantovanelli - e gestirla al meglio è un impegno e un dovere morale, pensando principalmente alle generazioni future». 

Camilla Faccini