Enti | 06 luglio 2021

Tacchella, AMIA: «Da sempre vicini ai cittadini»

In occasione del Premio Verona Network, abbiamo intervistato Bruno Tacchella, presidente di AMIA, che ha illustrato gli ambiziosi progetti in cantiere e ci ha raccontato della sua forte propensione all’ascolto dei cittadini.

Tacchella, AMIA: «Da sempre vicini ai cittadini»

Bruno Tacchella, presidente di AMIA SpA, fa il punto ai nostri microfoni in merito alla sua realtà e ai progetti in cantiere.

AMIA ha una storia ormai ventennale: «Nel 1997 si scioglie CIVIT, la società incaricata dell’igiene ambientale di Verona. In seguito a votazione in consiglio comunale nasce la società speciale AMIA, che poi diventa SpA e poi viene convogliata dal Comune di Verona all’interno del capogruppo AGSM AIM».

Il momento storico è fondamentale per AMIA, che quest’anno sta vivendo molti cambiamenti. «Noi stiamo affrontando un momento veramente storico perché con la costituzione di AGSM AIM anche il ramo ambiente con le altre sei business unity che probabilmente si andranno a costituire entro la fine di quest’anno cambia lo scenario. Avremo infatti tre società compreso il ramo ambiente di AMIA e AIM che si fonderanno e avranno la direzione vicentina, mentre le altre tre avranno la direzione veronese. Nel contempo stiamo portando avanti l’iniziativa del Consiglio Comunale di tornare sotto il Comune di Verona anziché rimanere nell’aggregazione AGSM AIM. Stiamo mantenendo monitorate entrambe le possibilità, aspettiamo la fine dell’anno per capire il nostro futuro».

I progetti in cantiere sono tanti, ambiziosi e molto importanti, come racconta Bruno Tacchella. «Progetto importantissimo è ampliare a tutta la città di Verona, escluso il centro storico, la raccolta dei rifiuti nei cassonetti ad accesso controllato, quindi con tessera o con app. La zona sperimentale ha dato ottimi risultati, stiamo risolvendo qualche criticità, siamo in fase di stesura della gara che sottoporremo poi per l’approvazione definitiva all’Unità di bacino di Verona Centro, al Comune di Verona, alla Giunta e alla nostra capogruppo. Sono circa 13 milioni di investimenti. Altro progetto è la volontà di portare la raccolta differenziata almeno al 65%.  È completamente autofinanziato, perché questo risparmio ci permetterà di coprire totalmente l’investimento. Nel giro di due o tre anni vogliamo avere una raccolta differenziata completa».

Empatia è la parola chiave che motiva Tacchella nel suo impegno, unitamente al desiderio di stare vicino agli utenti e ascoltarli. «Io da sempre mi metto nei panni del cittadino. Le segnalazioni sono tante e io da sempre voglio dare una risposta a tutti: non sempre ci riusciamo in tempi celeri, ma vogliamo essere dalla parte del cittadino. È fonte di risoluzione di tante problematiche e del successo dell’azienda».

Valentina Ceriani