Enti | 06 luglio 2021

AGSM AIM, la forza della tradizione

In occasione del Premio Verona Network abbiamo intervistato Stefano Casali, presidente di AGSM AIM, per fare il punto sulla sua realtà, i progetti futuri e i motivi del suo successo tra i consumatori.

AGSM AIM, la forza della tradizione

Stefano Casali, presidente di AGSM AIM racconta ai nostri microfoni questa realtà e tutte le novità in campo per il futuro.

«AGSM AIM è una realtà storica, sono due aziende che hanno secoli di esperienza. AGSM è stata fondata nel 1898 e AIM Vicenza nel 1906, quindi vi è alla base una grande tradizione, di due territori che hanno sempre comunicato tra loro per motivi non solo geografici ma anche per affinità che oggi scelgono di stare insieme per avere più impulso di investimento per le sfide dei prossimi decenni. È una scelta di crescita per due società che già prima della fusione erano forti e autonome», con queste parole il presidente introduce la sua società.

La società sta affrontando questo momento storico con grande impegno, professionalità e voglia di fare bene, come evidenzia Stefano Casali. «C’è un management di altissimo livello, un Consiglio d’Amministrazione dell’holding snello e quindi l’operatività è garantita. Abbiamo circa duemila appartenenti che quotidianamente danno il meglio di loro, specializzati e tecnici nel proprio settore, per far sì che si possa offrire un ottimo servizio. Il bello della nostra azienda è che essendo di due municipalizzate si crea una sinergia particolare per cui l’utente è cliente ma anche proprietario».

I progetti in cantiere sono tanti: «Abbiamo fatto un piano investimenti per il periodo 2021-2026 di seicento milioni di euro. Quello che vogliamo fare è migliorare i servizi dei nostri utenti e importanti investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Oggi il gruppo produce e distribuisce il 30% di energia derivante da fonti rinnovabili».

L’azienda nasce dunque da due storie legate alla nostra tradizione, ed è proprio questo aspetto a motivare Casali nel suo impegno. «Pensare che abbiamo dei dipendenti i cui bisnonni lavoravano in queste realtà ci rende molto orgogliosi del nostro percorso ed è una grande soddisfazione. AGSM AIM sono legate in maniera imprescindibile al territorio. Noto che il nostro cliente quando fa un contratto non si pone il problema di cambiare operatore, perché da generazioni il servizio di multiutility che forniamo li rende soddisfatti. Questa sarà la stella polare del mio agire: per quanto riguarda la mia presidenza, AGSM e AIM resteranno indissolubilmente legate al territorio».

 

Valentina Ceriani