Imprese | 05 luglio 2021

Energy Fit&Wellness, Tonon: «Vogliamo diventare un punto di riferimento per l’est veronese»

Sara Tonon, titolare dell’Energy Fit&Wellness Club, racconta come il club si è reinventato durante la pandemia e i progetti in cantiere per il futuro.

Energy Fit&Wellness, Tonon: «Vogliamo diventare un punto di riferimento per l’est veronese»

Tra i candidati al Premio Verona Network 2021 Energy Fit&Wellness Club, realtà che unisce in sé due fitness club, uno dei quali attrezzato con piscina, un centro dimagrimento e un centro estetico, oltre che alla classica palestra.

Alla gestione del club Sara Tonon. «La mia avventura professionale parte dalla gestione della palestra di Albaredo nel 2011 - spiega Tonon - quando ho acquistato l’attività. Poi, nel 2015, ho preso in gestione il punto di Arcole, aprendo anche la piscina consapevole degli enormi benefici che porta.  Energy Fit&Wellness Club nasce dall’esigenza di offrire benessere alle persone, sia a livello fisico che mentale. Quando vengono da noi le persone non solo ottengono benefici a livello fisico, ma si rilassano e stanno meglio».

Il mondo delle palestre, uno tra i più colpiti dalla pandemia, ha mostrato nell’ultimo anno tutta la sua forza e la capacità di reinventarsi, rimanendo sempre accanto ai clienti. «Io e i miei collaboratori non ci siamo mai fermati - racconta Tonon - e abbiamo sempre lavorato per portare il benessere alla persone anche a casa. Abbiamo creato un servizio online per corsi fitness e sala attrezzi, che è stato davvero apprezzato. Ci siamo dovuti reinventare lavorando anche in outdoor, realizzando corsi all'esterno e percorsi con le cuffie in silent. Da parte dei nostri clienti percepivamo la volontà di continuare ad allenarsi, anche per questo ci siamo a

Le soddisfazioni sono state tante: anche per questo l’Energy Fit&Wellness Club continuerà ad offrire il servizio di allenamento online anche per il futuro. «Un servizio che arricchirà la nostra offerta, dando la possibilità di allenarsi sia a chi non si sente ancora sicuro di ritornare a svolgere attività in presenza sia a chi dovesse avere difficoltà nel raggiungere i nostri centri. Sono servizi nati da un momento di difficoltà ma che si sono rivelati molto utili anche in una fase più serena. Ora ci auguriamo di poter rimanere aperti e di non dover più essere costretti alla chiusura, per continuare a dare benessere alle persone e diventare un punto di riferimento per tutto l’est veronese».

 

Camilla Faccini