Risparmio | 16 giugno 2021

Banca Akros e Banco BPM: parte la III Elite Lounge

Dieci nuove società iniziano il percorso formativo. Previsto un focus sulla Sostenibilità.

Banca Akros e Banco BPM: parte la III Elite Lounge

Inizia la terza Banca Akros e Banco BPM Elite Lounge, con focus sulla sostenibilità. L’evento si terrà in modalità digitale e vedrà l’ingresso di 10 nuove società nell’ambito della collaborazione fra Banca Akros - Banco BPM ed ELITE, il private market di servizi integrati e network multi-stakeholder e parte del Gruppo Euronext, con SDA Bocconi. L'obiettivo è quello di accompagnare le migliori aziende nel trasformare la loro visione di crescita, in piani strategici sostenibili e risultati concreti, accelerandone il potenziale di sviluppo, valorizzandone i progetti intrapresi, soprattutto, in ambito sostenibilità, e facilitandone l’avvicinamento alle forme di funding disponibili, compresi i mercati dei capitali, pubblici e privati.

Le 10 nuove realtà che entrano in ELITE sono il risultato di una consolidata e strategica collaborazione tra Banca Akros - Banco BPM e ELITE, che, in quattro anni ha visto la realizzazione di tre Lounge ELITE Banca Akros e Banco BPM con la partecipazione di oltre 60 società. Alla nuova classe, dunque, partecipano 10 “Top client” provenienti da 7 regioni d’Italia, appartenenti a diversi settori industriali dell’economia italiana che si distinguono per la valorizzazione e l’impegno strategico, rivolto a obiettivi di ripresa e di sviluppo, strettamente correlati a progetti legati al tema della sostenibilità sociale, ambientale e di business.

Partecipano all’iniziativa: Società Chimica Bussi Spa (Chimica e farmaceutica, Pescara); Ama Composites Spa (distributore materiali isolanti a base di Aerogel, Reggio Emilia); Fitt Spa (produttore e distributore di, tubi, tubazioni e condotte  per la gestione dei fluidi, Vicenza); Enoitalia Spa (Agroalimentare, Verona); Commerciale Tubi Acciaio Spa (Commercio all’ingrosso di minerali metalliferi, di metalli ferrosi prodotti semilavorati, Grugliasco - TO); Italfluid Geoenergy Srl (servizi per l’industria petrolifera, Pescara); Sicilsaldo Spa (Oil & Gas industry contractor, Gela); Global Payments S.p.A. (Software e servizi per la monetica e sistemi per l'Extended Enterprise, Cesano Boscone - MI); Sideralba Spa (produzione e costruzione di  prodotti d’acciaio, Acerra - NA); Penta Srl (fabbricazione di pannelli stratificati in acciaio, Quinto di Treviso - TV).

La sostenibilità è al centro della nuova agenda europea, che ha come focus una significativa azione normativa di contrasto ai cambiamenti climatici e di riduzione delle emissioni di CO2 con l’obiettivo finale di diventare, entro il 2050, il primo continente ad impatto zero emissioni. Anche l’Italia vuole operare in un un ruolo ambizioso. Vi s’aggiunge l’importante concetto programma dell’Unione Europea, in risposta alla crisi pandemica, che si svilupperà intorno a tre assi strategici: digitalizzazione e innovazione, inclusione sociale e transizione ecologica. Nello specifico, per asset strategy: “Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica” sono previsti circa € 70 miliardi, finalizzati a migliorare la sostenibilità e la resilienza del sistema economico e assicurare una transizione ambientale equa e inclusiva.

Grande progetto, dunque, che tocca diversi punti essenziali, per l’attuale nostro tempo e la stessa nostra vita. Valorizzazione e impegno strategico, volto a obiettivi di ripresa e disviluppo, dopo l’infierire del virus; sostenibilità sociale, ambientale e di business. Vi s’aggiungono il concetto di zero emissioni, rivoluzione verde, innovazione e digitalizzazione, comportamenti virtuosi, finanziamenti per la sostenibilità. Importanti ed essenziali voci, che, un volta realizzate, saranno di beneficio per le nostre terre, quindi, di noi tutti.

Pierantonio Braggio