Economia | 15 giugno 2021

Covid, Superbonus e consulenze, Falsirollo: «Il 2021 dell’Ordine degli Ingegneri di Verona»

Dalla rassegna "Open - I ponti della comunicazione" del 2020 alla scaletta dei programmi del 2021: Andrea Falsirollo, Presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Verona, ci ha riassunto in breve i temi che saranno al centro, quest'anno, delle attività organizzate dall'ente.

Covid, Superbonus e consulenze, Falsirollo: «Il 2021 dell’Ordine degli Ingegneri di Verona»

Sostenibilità, Next Generation Eu, incontri per favorire il dialogo tra imprenditori e professionisti: sono solo alcuni tra i numerosi punti di riflessione posti sul tavolo dall'Ordine degli Ingegneri di Verona, che in continuità con gli anni precedenti porta avanti le attività di formazione per gli iscritti all'albo e gli appuntamenti aperti ai cittadini per rispondere alle sfide del presente (e anticipare quelle del futuro). Il riepilogo, da un lato, di quanto fatto l'anno scorso e il promemoria, dall'altro, di quanto è in programma in questo secondo semestre del 2021 sono al centro della nostra intervista, in vista della nuova edizione del Premio Verona Network a Bosco Chiesanuova, al Presidente dell'Ordine veronese Andrea Falsirollo. 

«L’Ordine degli ingegneri è un ente pubblico costituito dalle migliaia di professionisti iscritti all’albo, come previsto dalla legge. Operiamo in numerosi settori, civile, costruzioni, impiantistica, informatica fino alle telecomunicazioni, e così via. Oltre a questa attività, l’Ordine svolge un controllo dell’etica professionale, effettuando delle sanzioni qualora qualcuno non lavorasse in maniera corretta. Organizziamo anche attività formative, stimolando gli iscritti, con incontri su ambiti innovativi oppure di aggiornamento, quando per esempio vengono stabiliti dei cambi delle normative in vigore».

Il Presidente ci ha poi descritto, sinteticamente, le attività su cui si è concentrato l’Ordine scaligero nell’ultimo anno: «Tema centrale delle iniziative dell’anno scorso è stato il ponte Morandi, con l’inaugurazione che si è tenuta nel mese di agosto; la nostra rassegna cardine, “Open”, è stata declinata proprio sul concetto di ponte, sia materiale, sia immateriale, con il titolo “Open – I ponti della comunicazione”. Al centro, dunque, l’inaugurazione del casello A4 a Borgo Roma, smart road, mobilità sostenibile e il 5G. In particolare, su quest’ultimo argomento, abbiamo lanciato un sondaggio cui hanno risposto oltre 50mila persone e i nostri contributi a riguardo hanno registrato più di 350mila visualizzazioni: si tratta, evidentemente, di un tema molto sentito».

Per quanto riguarda il 2021, invece, «il focus è sul Next Generation Eu - spiega Falsirollo - oltre che sul Piano nazionale di ripresa e resilienza. Concentreremo la rassegna sui temi legati alla sostenibilità, ma parleremo anche di economia circolare: vogliamo che i nostri iscritti siano promotori della vera transizione ecologica. C’è da ricordare, inoltre, il rapporto con Confidustria, Apindustria e Ance, con cui abbiamo creato un contesto per mettere in relazione domanda e offerta di lavoro: un’iniziativa, che presenteremo anche a fine anno con un format diverso, che ha visto l’apertura di 130 posizioni e la presentazione di 40 imprese; è stato un buon modo per aiutare le imprese a trovare le proprie risorse umane in un mondo del lavoro sempre più specializzato».

Quest’ultimo evento sarà riproposto anche verso la fine del 2021, per garantire continuità e dare l’opportunità anche ai soci delle associazioni di rappresentanza di categorie più piccole di mettersi in contatto con i professionisti per avvalersi di consulenze specialistiche. «Trovare degli esperti non è facile - sottolinea il Presidente – pensiamo, per esempio, a un imprenditore in cerca di uno specialista in cyber security: se non si possiedono le competenze per discernere se l’esperto in questione è affidabile oppure se è esattamente quello di cui abbiamo bisogno, è difficile affidare l’incarico. Per questo motivo vogliamo organizzare degli incontri specifici per le consulenze, che facilitino la possibilità di incontro tra aziende e professionisti ingegneri».

Continuando a ripercorrere i progetti che l’Ordine degli Ingegneri di Verona ha in serbo per i prossimi mesi, si aggiunge a Open un altro appuntamento di rilievo: «Voglio ricordare anche la Fiera del condominio, un’iniziativa che proponiamo ogni anno nel mese di ottobre e che quest’anno verterà in particolare sul Superbonus, argomento che ha sempre bisogno di essere affrontato e interpretato in maniera corretta, considerati i continui aggiornamenti. Ne parleremo con Enea, con l’Agenzia delle Entrate e gli enti locali in modo da aiutare tutti a comprendere le normative e delinearne l’assetto attuale. Sulla questione Superbonus abbiamo creato una serie di convenzioni, tra cui anche quella con Cassa Padana, per la cessione del credito; con Cassa Padana abbiamo raggiunto un accordo per effettuare la valutazione delle pratiche in sette giorni. Avere una veloce autorizzazione della pratica permette di avere meno rischi nell’ottenimento».

Una sfida, quella determinata dall’emergenza sanitaria, che è stata di sprono per l’Ordine per rivedere le procedure e rispondere meglio alle esigenze del nuovo presente. «Abbiamo colto l’occasione di questo momento storico per ottimizzare modalità e processi; trovare le soluzioni a nuovi temi è ciò che, come ingegneri, ci stimola maggiormente».

Samantha De Bortoli