Lavoro | 06 giugno 2021

Goethe Zentrum, Neri: «L'investimento linguistico apre le porte al mondo del lavoro»

Abbiamo intervistato Stefania Neri, direttrice del Goethe Zentrum di Verona, per fare il punto in merito all'importanza della formazione e dell'apprendimento linguistico nel mondo del lavoro di oggi.

Stefania Neri

Stefania Neri

In occasione dell'ultimo numero di Verona Economia, dedicato al lavoro e alla formazione, abbiamo intervistato Stefania Neri, direttrice del Goethe Zentrum.

Come nasce il Goethe Zentrum?

L'Istituto di Cultura Italo-Tedesca/Goethe-Zentrum Verona, fondato nel 1964, è partner del Goethe-Institut, la più importante istituzione culturale tedesca all'estero. Da oltre 40 anni l'Istituto è presenza attiva sul territorio dal punto di vista culturale e linguistico. È volto a promuovere e divulgare la conoscenza della lingua, della storia e della letteratura tedesca, quindi l'interazione tra le due culture, stimolando l’avvicinamento alla cultura germanica e l’approfondimento dei suoi vari aspetti, coinvolgendo le Istituzioni cittadine nelle manifestazioni culturali, talvolta con il Patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma.

Fa parte di una rete di Goethe-Institut e Goethe-Zentren in Italia che, oltre a promuovere manifestazioni culturali ed iniziative in ambito metodologico-didattico, nonché a veicolare informazioni, organizzano corsi di lingua tedesca a tutti i livelli, individuali e collettivi, per giovani e adulti, per privati ed aziende.
Dal punto di vista linguistico, il Goethe-Zentrum Verona cura tutti gli aspetti didattici legati alla lingua tedesca, dall’aggiornamenti docenti all’organizzazione dei corsi di lingua. È unica sede d’esame sul territorio per gli esami del Goethe-Institut (livelli A1-C2), esami ufficiali della lingua tedesca conformi ai livelli di competenza stabiliti dal Quadro comune di riferimento del Consiglio d'Europa. E' sede dell'esame TestDaF, che è rivolto a studenti che desiderano intraprendere gli studi universitari in Germania. Dal 2009 è in possesso della certificazione per la qualità ISO 9001-2008. 

Quanto è importante e come si inserisce lo studio della lingua tedesca nella difficile ricerca di un lavoro, soprattutto nel comparto turistico?

Sul territorio veronese la lingua tedesca è fondamentale, data la presenza di circa 200 aziende tedesche importanti (Volkswagen, Viessmann, dm, Müller, Warsteiner, Lidl,...) che ci contattano regolarmente per la ricerca di personale con competenze linguistiche di tedesco. 
La lingua tedesca è un valore aggiunto per chi cerca un'occupazione in Italia o nei Paesi in cui si parla. La Germania è il primo mercato di riferimento per Verona (l'import rappresenta il 37,8% sul totale, l'export il 16,5%).  L'investimento linguistico apre le porte al mondo del lavoro: in ambito economico, commerciale, finanziario e turistico, è quindi un investimento per il futuro. L'impiego nell'industria turistica (alberghi, campeggi, ristoranti, conpagnie aeree, aeroporti, ferrovie, autonoleggi) è naturalmente facilitato per chi ha una buona padronanza della lingua nelle quattro abilità della comprensione della lingua scritta, dell'ascolto, della comunicazione orale e della produzione scritta.

Come avete affrontato il 2020?

Pur riscontrando, come tutti i settori, una debole flessione nelle iscrizioni, a causa del periodo dovuto all'emergenza sanitaria da Covid-19, abbiamo cercato di mantenere alto il livello qualitativo dei corsi, differenziando i programmi in base alle esigenze di singoli e aziende, e naturalmente offrendo la modalità da remoto/online in tutto questo periodo di incertezza.

Quali sono i vostri progetti futuri?

L'obiettivo futuro è di incentivare la collaborazione con le aziende in termini di formazione del personale. Auspichiamo anche la ripresa, con il nuovo anno di attività, degli eventi culturali in presenza, che da sempre caratterizzano il nostro Istituto.

Valentina Ceriani