Lavoro | 04 giugno 2021

Diego Zardini: «Siamo in ripresa: ottimismo per la stagione estiva»

Il parlamentare commenta la difficile situazione che il Paese sta vivendo impegnato nella ripresa e nella valorizzazione dei motori sociali ed economici: lavoro e formazione

Diego Zardini: «Siamo in ripresa: ottimismo per la stagione estiva»

Il tema del lavoro e della formazione è centrale in seno al dibattito in corso in questi mesi alla Camera dei Deputati. Ne abbiamo parlato con il parlamentare Diego Zardini. 

«Gli ultimi 15 mesi sono stati intensi e abbiamo dovuto chiedere numerosi sacrifici ai cittadini, ai lavoratori e alle imprese per combattere la pandemia e cercare di far rientrare il problema sanitario. Senza una svolta di questo genere diventa impossibile la ripresa economica».

«Volontà forte da parte del Governo accompagnata da misure di sostegno in favore del lavoro e delle imprese. Un tema quello del lavoro su cui si è discusso a 360gradi, sia come dipendente che come autonomo oltre ad artigiani, commercianti e tanti altri. Dall'inizio della pandemia abbiamo investito ben 180miliardi di euro senza contare i fondi che saranno messi in campo di qui a poco con il Recovery Plan».

«Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si configura come una manovra centrale per la ripresa economica del nostro Paese. I Governi che si sono succeduti sono riusciti a ottenerlo e ora si apprestano a investire» 

«Inoltre, grazie alla campagna vaccinale che procede molto bene, si stanno rafforzando le riaperture facendo ben sperare per la zona bianca, quella a cui tutti auspichiamo. Un via libera di quasi tutte le attività anche se non come le conoscevamo prima perché la prudenza rimane necessaria. Fondamentale evitare la diffusione delle varianti per non far tornare indietro le lancette dell'orologio e ritrovarci coinvolti in uno scenario pandemico». 

«Grande ottimismo per la stagione estiva appena inaugurata soprattutto sui grandi temi del turismo e degli esercizi commerciali non ultime le attività culturali e formative. La formazione continua e in una fase come questa diventa fondamentale. Per settembre si prevede una riapertura delle scuole con una rinnovata normalità, priva degli "stop and go" a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi»

Samantha De Bortoli