Economia veronese e veneta - 25 maggio 2021, 21:44

Latte:quotazioni in calo e costi delle materie prime, in forte rialzo. Varie le cause.

Dopo un 2020, segnato fortemente dalla pandemia, il settore lattiero-caseario torna in affanno, a causa dei prezzi di produzione lievitati notevolmente e delle quotazioni del latte, nuovamente in discesa,fattori dovuti all’emergenza sanitaria e alla chiusura, pressoché totale, del canale Horeca.

Latte:quotazioni in calo e costi delle materie prime, in forte rialzo. Varie le cause.

                                                                                                                                                                                                                Inoltre, crescente è la disaffezione dei consumatori, verso il latte vaccino - causa ne sono campagne mediatiche denigratorie e la promozione del consumo di proteine vegetali - con un calo degli acquisti del 5% annuo. “L'allevamento della vacca da latte a Verona sta subendo l'ennesima crisi che, rispetto alle precedenti, è certamente più grave, perché somma un prezzo assolutamente inadeguato, con cost,  per l'alimentazione, lievitati a livelli mai visti”, sottolinea Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona.– “In particolare, sono in forte rialzo i prezzi delle materie prime, impiegate nell’alimentazione del bestiame, come soia e mais, e dei fertilizzanti. Per converso, le quotazioni del latte sono insoddisfacenti, dato che i 36-37 centesimi al litro, che ci vengono pagati, fanno rimpiangere i prezzi del latte di 25 anni fa, quando il prodotto veniva pagato attorno alle 800 lire al litro, con costi inferiori. A questo, dobbiamo aggiungere i pregiudizi vegani e animalisti, che mettono all’indice gli allevatori, come inquinatori, utilizzatori di farmaci proibiti e maltrattatori degli animali, portandoci ogni giorno a porci la domanda, se proseguire o no con le nostre attività, oppressi come siamo da uno stato debitorio, sempre più grave”. Le difficoltà del settore zootecnico sono state di recente poste all’attenzione del ministro alle Politiche agricole Stefano Patuanelli, da Agrinsieme, il coordinamento di Confagricoltura, Cia, Copragri e alleanza delle cooperative agroalimentari, che hanno sottolineato l’importanza di un settore che, con un fatturato di 16,5 miliardi di euro, rappresenta l’11,5 % del fatturato agroalimentare. “Occorre che la politica non si limiti alle audizioni”, attacca Ferrarese, “ma dia al settore una prospettiva, che vada a sorreggere soprattutto le aziende professionali, quelle che producono veramente, più delle esperienze, sia pur meritevoli, del giovane, che alleva le 20 capre in montagna”. I dati di Veneto Agricoltura confermano che la pandemia ha segnato fortemente il settore lattiero caseario. Il prezzo annuo del 2020 è stato di 36,5 centesimi al litro, pari a -6% rispetto al 2019. Tra febbraio e giugno, rilevante è stata una contrazione di circa il 10%, per alcuni allevamenti collegati a caseifici specializzati, nel fresco. Il numero di allevamenti in Veneto è sceso a 3.013 unità, con un -3,7% rispetto al 2019. In calo del 1,5%, anche la produzione di Grana Padano, nei caseifici veneti, particolarmente accentuata, nelle province di Verona e Padova con un -5%. Notizie, da seguire con attenzione, perché riguardano uno dei settori più importanti – agricoltura ed allevamento – della nostra economia, con importanti risvolti, anche sull’occupazione e, quindi, sul tessuto sociale. Nella foto: Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona.

Pierantonio Braggio

 

SU