Esprime cultura | 09 aprile 2021

Valdegamberi , il cimbro! Seguirono polemiche sulla difesa delle minoranze linguistiche.

Pubblichiamo l'intervento in lingua cimbra ( ma con la traduzione in italiano) che Stefano Valdegamberi, Capogruppo del gruppo Misto , in consiglio regionale ha fatto nel dicembre del 2020 al momento dell'approvazione del bilancio di previsione della Regione del Veneto

Valdegamberi , il cimbro! Seguirono  polemiche  sulla difesa  delle minoranze linguistiche.

ECCO L'INTERVENTO BILINGUE CIMBRO-ITALIANO BLOCCATO IN CONSIGLIO REGIONALE E DEFINITO UNA PAGLIACCIATA. POI ABBIAMO IL CORAGGIO DI SCRIVERE NELLE LEGGI E NEGLI STATUTI CHE IL VENETO DIFENDE LE MINORANZE LINGUISTICHE.

Regione Veneto. Intervento sul bilancio di previsione 2021 Stefano Valdegamberi, Gruppo Misto

Liape Hearn un hearinj un alje maine gaseljan,

Cari Signori e Signore, colleghi tutti, bar hen galeigat hant an a nauga amministratzion rejonal. Bar sain na’ tze votarn in bilancio for iz jar bo da kint.

Abbiamo avviato una nuova amministrazione regionale. Stiamo per votare il bilancio di previsione del prossimo anno.

Bar stian lebinje a lepischa tzait pit vij mence siach dahuame odar ime spitale. Eibala mence se sain na’ tze gasuntan, eibala se sain gasterbat.

Stiamo vivendo un brutto periodo con molti concittadini ammalati a casa o all'ospedale. Molti stanno guarendo, altri ci hanno lasciato.

Vij mence se sain ante tze arbatan, irne gaàrbata iz geat nist vurbut, se hen gaspeart parké in Stato hat khout tze machan asòu. Molta gente si trova disoccupata, la loro attività non è proseguita. Hanno chiuso perché lo Stato gli ha ordinato di fare così.

Tze stian abail veiste iz koustat vij markittan un se hen nist ganuak tze leban.Stare inattivi per un certo periodo di tempo costa molti soldi e non ne hanno abbastanza per vivere.

Bar gadenkhan ta usar Rejon haur hat gamast eibala dingar for de mence siach. Esan, muzzabar darstarckan usar sistema leninje nauge arbotar in de spitali. Muzz-ma tziegan hin iz gatzeila-gaspeart ‘un skoularn indar Università tze berdan doktor un tze machan in spezializatzion.

Ricordiamo che la nostra Regione quest'anno ha fatto molto per le persone ammalate. Ora, dobbiamo rafforzare il nostro sistema, assumendo nuovo personale nell'ambito ospedaliero. Si deve togliere il numero chiuso per gli studenti universitari in medicina e per fare le specializzazioni.

Ist nist mese tze vinganus ante ganuak doktori for de siachan un muzz-ma suacha-se vroumade benje usare skoularn mougan gian nist indar skoul parké s’ist gaspeart! De programatzion gamast ‘un Stato ist gabest nist rest un s’ist gabest gamast ubal un se hen gamast vij velarn.

Non è possibile trovarci senza abbastanza medici e doverli cercare all'estero quando i nostri stessi studenti non possono frequentare la scuola perché a loro preclusa. La programmazione fatta dallo Stato non è stata corretta, è stata fatta male e si sono fatti molti errori.

In Stato mussat makan aital ditza! Ame leistan, i bi borkhenjan aljaz iz laut bo hat gaarbotat tze haltan-au usar gasunt Ame leistan ‘ume Coronavirus, bar muzzan paitan-us a groazza krisi in usarme Lante pit an hoacha schulje un eibala laut ante tz’arbatan.

Lo Stato deve fare tutto questo! Alla fine voglio ricordare tutti coloro che hanno lavorato per conservare la nostra salute. Al termine del Coronavirus, ci dobbiamo aspettare una grande crisi nel nostro Paese con un alto indebitamento e molta gente senza lavoro.

Beilar helfe hen-bar tze gain ime laute asbia Rejon? Bia mougabar tze spegatzarn de poase volgan ‘na in Coronavirus tzait? Quale aiuto possiamo dare alla gente come Regione? Come possiamo ridurre gli effetti negativi dopo il periodo del Coronavirus? Bar inkhoun asòu: der earste muzzabar dargroazzan de produtzion indar saite prìvate un darhoagarn de investimenti undar Rejon, komaunj, province un Stato.

Rispondiamo in questo modo. Per prima cosa dobbiamo rafforzare la produzione sul fronte del privato e aumentare gli investimenti di Regioni, Comuni, Province e Stato. Bar mougan helfan tze birtan bidar un tze heifan usar economia. Asòu muzzabar lazzan tz’arbatan paz un mearur de imprese un pinta-se nist pit vij burokrazia bo machat darbaitarn de tzait un dargroazzan in koust.

Possiamo aiutare a rinascere e risollevare la nostra economia. Così dobbiamo lasciar lavorare meglio e di più le imprese, senza imbrigliarle con molta burocrazia che allunga i tempi e accresce i costi.

Da muzza-pa tuan bahenje de leje – bo i pi der earste untarskraibar – ganamat “ Veneto cantiere veloce”. Bar hen tze deikan ubaralt usar Rejon pit’me Telematik –netze. Aljaz ditza gaarbota iz noat machaz bahenje.

Dobbiamo ricoprire dappertutto la nostra Regione con la rete telematica. Tutto questo lavoro è necessario farlo presto.

Sainda poustan oubar de pergan bo iz ist nist mese ruafasi pit’me cellulare un a bau ista nist iz netz. Haute iz ist nist mese ta ditza schegat!

Ci sono località sui monti dove non è possibile chiamarsi con il cellulare perché non c'è la rete. Oggi non è possibile che questo accada! Tze leban ante netz ist asbia, an bote, tze leban ante bazzar ime hause, odar ante in bek tze gian pit’me bage. Ante netz de vroumade se ken nist hia tze herbugan, de junge mougan nist arbatan ‘on line ‘ odar machan de skoul dahuame!

Vivere senza la rete è come un tempo vivere senza acqua potabile in casa o senza la strada per viaggiaggiare con l'auto. Senza rete i turisti non arrivano ad alloggiare, i giovani non sono in grado di lavorare "on line" o fare formazione da casa!

Bar vorgezzan nist ta ista iz laut bo lebat veare in kljaine knoupfe hausarn un nist taman in poustan ‘ume lante, volj ‘un hausarn bo alje mougan hen aljaz mo se boun. Internet helfat tze pintan un tze gian paime laute indar belt.

Non ci dimentichiamo che c'è gente che vive in piccoli borghi e non solo in luoghi pieni di case nei quali tutti possono avere ciò che vogliono. Internet aiuta a legare e ravvicinare la gente nel mondo.

Iz laut bo lebat oubare pergan, iz bi bolaiban bo iz ist bortut un bi anka tze leban nist gatoalt ‘un de andar indar belt. Haute ditza iz ist mese. Mo bar nutzan internet da mougapa tuan. La gente che vive sui monti vuole rimanere dov'è nata e vuole anche vivere non separata dal resto del mondo. Oggi questo è possibile. Se usiamo la rete internet si può fare. Mo iz laut bi tze stian oubare pergan, iz ist an guat for aljan, anka for die bo leban veare ime lante. Asòu mougapa haltan lentak iz galeba ime perge.

Se la gente che vuole stare sui monti è un bene per tutti, anche per coloro che vivono lontani, in pianura. Così è possibile conservare viva la vita in montagna.

Mo i han gabout haur tze tuan mai gareida nutzinje iz tauciaz gareida daz ist gabest tze machanus gadenkhan ta in usare Rejon sainda perge un teldar bo iz laut, an bote, hat gareidat ditza gareida. Nau haute sainda a bene alte manne bo se bizzan reidaz eibala bou.

Se io ho voluto fare il mio intervento usando la lingua cimbra ciò è stato per farci ricordare che nella nostra Regione ci sono monti e valli dove la gente, un tempo, ha parlato questa lingua. Ancor oggi ci sono un po' di anziani che sanno parlarla molto bene.

I kljobe ta mougabar tzeilse in drai viere hänte. An bote, indar tzait undar Repubblica ‘un Benerge, sainda gabest vij laute ‘ume Deitsch-tale funtze in Brin-tale bo de mence se hen gareidat tauć. Asòu iz ist gabest a vij groazzaz toal undar earde ‘un Benerge. Iz prirt ta hen-bar vorgezzat ditza.

Credo che possiamo contarli in tre o quattro mani. Un tempo, nel periodo della Repubblica di Venezia, c'era molta gente, dall'Adige fino al Brenta, che parlava tedesco. Così è stato per una grossa parte del Veneto. Pare che lo abbiamo dimenticato.

Bar kenjan nist usare alte lappan, ba sainbar gabest, bo sain bortut usare eltar un benje se sain khent hia un ba hese gamast. De skoul hatuns nist galeart ditza aber si hat gabout tze spegatzarn alje alte ćiake un ba iz ist gaschest an bote hia. Nist eibala tzait An bote, funtze halp ‘900, ( naune hundart) de skoul hat galazzat nist in junkan tze reidan tauć un se hatsa gamast vorlachan.

Non conosciamo la nostra storia, cosa siamo stati, dove sono nati i nostri antenati, qiando sono giunti qui, e cosa hanno fatto. La scuola non ci ha insegnato questo ma ha voluto cancellare tutte le vecchie impronte su ciò che è successo un tempo qui. Fino alla metà del Novecento la scuola non ha permesso ai giovani di parlare cimbro e li ha fatti deridere. Iz Belischlant hat gabout machanu vorgezzan ditza gareida ba iz ist gabest haltat lentak for achte hundart ( 800) jarn! Haute iz noat machanz kenjan in jungan. De borte ta i nutze , se galaichan in bortar ba hat khout Friedrich Roatpart, se galaichan a bene indar “ Nibelungesage” gareida.

L'Italia ha voluto farci dimenticare questa lingua che è stata tenuta viva per Ottocento anni! Oggi è necessario farla conoscere ai giovani. Le parole che io uso assomigliano a quelle proferite da Federico Barbarossa; assomigliano un po' al linguaggio della Saga dei Nibelunghi.

Iz tauciaz gareida ist de muatar ‘ume gareida ‘un haute. Dise alte bortar galaichat a bene anka ‘me inglese: disan ist this – bort ist word – lant ist land – muatar ist mother- tze kenjan ist to know – tze galaichan ist to like – hoam ist home - netz ist net – tze flaugan ist to fly.

Il cimbro è la madre delle lingue moderne. Queste vecchie parole assomigliano anche all'inglese" disan è this, bort è word, lant è land, muatar è mother, tze kenjan e' to know, tze galaichan è to like, hoam è home, netz è net, tze flaugan è to fly. Mo usare brakan , se hetatan galirnat ditza gareida, esan se hetatan gamust tze lirnan paz un mearur de boade vroumade gareidar: tauć un inglese. De belischa skoul inbeze, hat gabout spegatzarn aljaz!

Se i nostri ragazzi avessero imparato questa lingua ora sarebbero in grado di parlare meglio e di più entrambe le lingue, tedesco e inglese. Haute iz laut kenjaz nist. Anka iz gadenkha de skoul hat gabout spegatzarn! Bia mougabar ganamat disa skoul? I kljobe nist! Du mougast kupar ta esan iz ist vij spete tze haltan lentak ditza gareida. In Trientlant, ka Lusérn, ditza gareida z’ ist galeart indar skoul un anka de television local, se tuan an telejornal.

Oggi la gente non lo conosve. Anche il ricordo la scuola ha voluto cancellare! Vome possiamo chiamare questa scuola? Io credo di no. Tu potresti dirmi che ora è troppo tardi per conservare viva questa lingua. Nel trentino a Luserna, questa lingua viene insegnata a scuola e si fa il telegiornale sulla tv locale.

Una bau began hia iz ist nist mese? Haute eibala botan reidabar ‘un Europa. Iz tauciaz gareida hat gamischat un gapintat de tauciaz-kultur pitar kultura latina.

E perché qui non è possibile? Oggi molto spesso parliamo di Europa. Il cimbro ha mescolato e unite insieme la cultura tedesca con quella latina.

Usare eltar, sain gabest laute kent ‘un Taućlant bo se hen galebat paime belischaz laute. Ditza, iz mougat sain a sintesi undar seal undar Europa. Una bau began bar leigan nist iz tauciaz gareida asbia iz “ offizial gareida” undar Europa?

I nostri antenati sono state persone provenienti dalla terra tedesca e hanno vissuto accanto a popoli italiani. Questa potrebbe essere la sintesi dell'anima dell'Europa. Perché non poniamo il cimbro come lingua ufficiale dell'Europa?

stefano valdegamberi