ATTUALITA' REGIONALE | mercoledì 21 aprile 2021 01:01

ATTUALITA' REGIONALE | 05 aprile 2021, 22:26

Per il lavoro nero, il 2021 sarà un anno d’oro. Ma anche per l'evasione fiscale noi pensiamo

Una ricerca CGIA di Mestre (VE) illustra alcuni inquietanti risvolti della pandemia.

Per il lavoro nero, il 2021 sarà un anno d’oro. Ma anche per l'evasione fiscale noi pensiamo

A seguito della pesantissima crisi economica in corso, l’esercito dei lavoratori in nero presente in Italia è in forte espansione. Nell’ultimo anno, ricorda l’Ufficio studi della CGIA, la crisi pandemica ha provocato una perdita di circa 450 mila posti di lavoro. Con le chiusure, imposte nelle ultime settimane, a tanti di questi disoccupati, si sono aggiunti molti addetti del settore alberghiero e della ristorazione e altrettante finte parrucchiere ed estetiste, che quotidianamente si recano nelle case degli italiani ad esercitare, irregolarmente, i servizi e le prestazioni più disparate. Un numero di invisibili, difficilmente quantificabile, anche se secondo gli ultimi dati stimati qualche anno fa dall’Istat, quindi ben prima dell’avvento del Covid, i lavoratori in nero presenti in Italia erano molti: circa 3,2 milioni. Nei prossimi mesi, purtroppo, la situazione è destinata a peggiorare. Con lo sblocco dei licenziamenti, previsti, dapprima, a fine giugno, per coloro che lavorano nelle Pmi e nelle grandi imprese, e successivamente in autunno, per quelli che sono occupati nelle micro e piccolissime aziende, c’è il pericolo che il numero dei senza lavoro aumenti in misura importante.  Stiamo parlando di quelle persone, che non riuscendo a trovare una nuova occupazione saranno costrette a optare per un lavoro irregolare o si improvviseranno come abusivi, per integrare le magre entrate familiari. Non meno impattante è l’effetto chiusura, imposto dal governo nelle ultime settimane a bar, ristoranti, negozi, massaggiatori, parrucchieri e centri estetici. Soprattutto, nei territori più provati dalla crisi, non sono pochi, ad esempio, i camerieri, che in attesa di tornare ad esercitare la propria professione, si stanno improvvisando edili, dipintori, idraulici, giardinieri o addetti alle pulizie. Eseguono piccoli lavori, pagati poco e in nero, che, tuttavia, consentono a queste persone di portare a casa qualche decina di euro al giorno, permettendo così a molte famiglie di mettere assieme il pranzo con la cena. In questo momento così difficile, chi lavora irregolarmente, per necessità non va assolutamente criminalizzato; ci mancherebbe. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che chi opera completamente o parzialmente in nero fa concorrenza sleale, altera i più elementari princìpi di democrazia economica, danneggiando chi lavora, nel rispetto delle leggi e paga le imposte e i contributi previdenziali fino all’ultimo centesimo.  Altrettanto diffusa sul territorio è l’attività svolta, da finti parrucchieri, estetisti e massaggiatori abusivi, che, a seguito delle chiusure di queste attività, causa Covid, stanno imperversando, soprattutto in questa settimana di Pasqua, recandosi  nelle abitazioni dei/delle clienti, per il taglio, la messa in piega, il massaggio ayurvedico, la depilazione o la pulizia del viso. Una decisione – quella presa dal governo Draghi, di chiudere in “zona rossa” tutto il settore benessere – ritenuta immotivata. Le attività di acconciatura e di estetica, tiene a sottolineare la CGIA, dal maggio dell’anno scorso, hanno applicato con la massima diligenza le linee guida, dettate dalle autorità sanitarie e dal Governo precedente, intensificando le già rigide misure, previste dal settore, sul piano igienico-sanitario e si sono riorganizzate, per garantire la massima tutela della salute degli imprenditori, dei loro collaboratori e dei clienti. Lavorando su prenotazione e avendo investito notevolmente in prevenzione, non risulta che, in nessuna parte del Paese, si siano verificati dei focolai di contagio, presso queste attività, tale da giustificare la decisione di chiudere tutto.

Come dicevamo, ad “ammortizzare” una parte dei posti di lavoro, persi a causa dell’emergenza sanitaria, ci sta pensando l’economia sommersa. Gli ultimi dati disponibili ci dicono che in Italia ci sono oltre 3,2 milioni di occupati in nero, il tasso di irregolarità è del 12,9 per cento e tutte queste persone producono un valore aggiunto in nero di 77,8 miliardi di euro. Il dilagare del lavoro irregolare non comporta un danno, solo alle casse dell’erario e dell’Inps, ma anche alle tantissime attività produttive e dei servizi, le imprese artigianali e quelle commerciali che, spesso, subiscono la concorrenza sleale di questi soggetti. I lavoratori in nero, infatti, non essendo sottoposti al prelievo previdenziale, a quello assicurativo e a quello fiscale consentono alle imprese dove prestano servizio – o a loro stessi, se operano sul mercato, come falsi lavoratori autonomi – di beneficiare di un costo del lavoro molto inferiore e, conseguentemente, di praticare un prezzo finale del prodotto/servizio molto contenuto. Condizioni, ovviamente, che, chi rispetta le disposizioni previste dalla legge non è in grado di offrire. Inoltre, non vanno nemmeno sottovalutate le condizioni lavorative, a cui sono sottoposti gli irregolari: spesso a queste persone vengono negate le più elementari tutele, previste dalla legge in materia di sicurezza, nei luoghi di lavoro e, in queste condizioni, gli incidenti e le malattie professionali rischiano di essere molto frequenti.  A livello territoriale, sono le regioni del Mezzogiorno ad essere maggiormente interessate dall’abusivismo e dal lavoro nero. Secondo l’ultima stima redatta dell’Istat e relativa al 2018, in Calabria, il tasso di irregolarità è pari al 22,1 per cento (136.200 irregolari), in Campania, al 19,4 per cento (362.500 lavoratori in nero), in Sicilia al 18,7 per cento (283.700), in Puglia, al 16,1 per cento (222.700) e, in Sardegna, del 15,7 per cento (95.500). La media nazionale è pari al 12,9 per cento. Le situazioni più virtuose, come sottolineavamo più sopra, si registrano nel Nordest. Se in Emilia Romagna, il tasso di irregolarità è al 9,8 per cento (211.700 irregolari), in Valle d’Aosta, è al 9,6 per cento (5.900), in Veneto, al 9 per cento (207.300) e, nella Provincia autonoma di Bolzano, si attesta all’8,9 per cento (27.000). Come affermavamo più sopra, l’attività in nero di queste 3,2 milioni di persone genera un valore aggiunto pari a 77,8 miliardi di euro all’anno, di cui 26,7 miliardi sono prodotti nel Sud, 19,8 nel Nordovest, 17 nel Centro, e 14,3 nel Nordest. A livello regionale, in termini assoluti, il Pil in “nero” più importante lo riscontriamo in Lombardia (12,6 miliardi), seguono il Lazio (9,4 miliardi), la Campania (8,3 miliardi) e la Sicilia (6,2 miliardi).  Dati precisi, dati impressionanti, che parlano: triste realtà, cui non possiamo sfuggire, con tanto di virus, ancora, serpeggiante e intaccante… Alla piaga del già dominante lavoro in nero, s’aggiunge  – come segnala CGIA – la pesante realtà  della perdita di posti regolari di  lavoro, che aggraverà la situazione  esistente, non solo, in fatto di irregolarità, ma anche di concorrenza, con chi, ancora in grado, di portare avanti un’azienda, si trova spiazzato, sfavorito dal minore costo del lavoro in nero, sostenuto da altri, mentre, da un altro lato, non si può negare che tale lavoro nero, nella dura situazione attuale, possa essere di provvisorio aiuto a chi, purtroppo, per mancanza d’occupazione ufficiale, si trova in mille difficoltà, per mantenere la famiglia o, semplicemente, se stesso. Dobbiamo augurarci che cessi, al più presto, l’epidemia e che l’economia possa riprendere la sua strada, e che, ove risolto, per quanto possibile, il tema occupazione, venga rivista radicalmente la questione dell’occupazione irregolare, che, alla fine, è un danno pure al lavoratore stesso.

Pierantonio Braggio

 

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore