ANNUNCI E VARIE | mercoledì 21 aprile 2021 01:02

ANNUNCI E VARIE | 30 marzo 2021, 20:59

Lotta allo spreco alimentare

Banco BPM, Milano-Verona. Lotta allo spreco alimentare e adesione al progetto NO.W! - No Waste, niente rifiuti…

Lotta allo spreco alimentare

Banco BPM appoggia il progetto NO.W! No Waste – niente rifiuti,  contribuendo alla lotta contro lo spreco alimentare.  NO.Waste! è la piattaforma di ThinkAbout che, facendo incontrare domanda e offerta, propone, a prezzo scontato,   prodotti della filiera enogastronomica che, altrimenti, andrebbero sprecati, quali eccedenze di magazzino o a causa di difetti estetici o di packaging. Lo spreco alimentare è, oggi, vera e propria emergenza, eliminando la quale, si pone un limite all’inquinamento, si risparmia denaro e si trasmette un messaggio di attenzione, verso risorse ancora utilizzabili. Cosa, che risponde pienamente ai Global Goals 2030 dell’ONU, nei quali, la lotta allo spreco alimentare è uno degli obiettivi del World Food Programme.  “Siamo orgogliosi di questa iniziativa del nostro Gruppo” – commenta Salvatore Poloni, condirettore generale di Banco BPM .– “Per Banco BPM significa contribuire, grazie all’attività dei colleghi, a intraprendere un’iniziativa di consumo etico, per concorrere allo sviluppo di un’economia circolare e sostenibile. Ancora una volta, la Banca aderisce a un obiettivo di sostenibilità e si impegna, per portarlo a termine in maniera concreta”.  “Il Gruppo Banco BPM” – prosegue Salvatore Poloni - “ha, infatti, intrapreso un percorso ambizioso di integrazione della sostenibilità, nelle proprie attività, a partire dalla governance, con la costituzione di un Comitato manageriale ESG, presieduto dall’Amministratore delegato, che promuove e coordina tutte le iniziative, su tematiche ambientali e di eguaglianza di genere. Questo impegno ha permesso a Banco BPM di ricevere un outlook positivo da parte degli analisti di Standard Ethics”. Non si può che essere d’accordo, con quanto sopra, avendo l’iniziativa diversi risvolti altamente positivi: meno spreco di prodotti, ancora validi, più aiuto a chi è in istato di bisogno, meno spese di smaltimento ed eliminazione di una buona parte d’inquinamento, fattore del quale abbiamo assoluto bisogno.

Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore