ATTUALITA' REGIONALE | mercoledì 21 aprile 2021 01:31

ATTUALITA' REGIONALE | 25 marzo 2021, 23:04

Regione Veneto: una mozione a sostegno settore matrimoni ed eventi. Federmep: felici che nostro appello parta dal Veneto

Un appello: il Governo stanzi aiuti economici alle imprese del settore matrimoni ed eventi privati, fino ad ora dimenticato, per consentire alle decine di migliaia di imprese del settore di reggere l’urto di un anno di inattività e farsi trovare pronte per la ripartenza delle cerimonie."

Serena Ranieri Presidente Federmep

Serena Ranieri Presidente Federmep

Diamo spazio ad una mozione che vede  sostenere l'appello lanciato da una categoria dimenticata  dalle norme  sui ristori. E’ l’impegno di una mozione, presentata dalle consigliere regionali Laura Cestari e Simona Bisaglia e sottoscritta dalla Consigliera Alessandra Sponda, quest’ultima come portavoce per Verona e Provincia, che sarà discussa dal Consiglio regionale  del Veneto.

 

Siamo felici che proprio dal Veneto, regione che conta oltre 23mila imprese della filiera con un comparto che ricopre tra il 10 ed il 15% del Pil regionale e che rappresenta una delle mete più ambite per le coppie straniere che desiderano sposarsi in Italia, parta una sollecitazione al governo perché tenga nella dovuta considerazione il nostro comparto, praticamente fermo da un anno e con l’incertezza che grava sulla ripresa delle attività. Sino ad oggi purtroppo ben pochi sono stati gli aiuti ricevuti da Roma: professioni escluse a causa dei codici Ateco, professionisti che hanno ricevuto al massimo il contributo da 600 euro una tantum. In questi mesi abbiamo rappresentato le difficoltà del nostro settore ad ogni livello istituzionale e a tutte le forze politiche. Alcune, come la Regione Veneto, hanno stanziato fondi specifici per la filiera degli eventi, differentemente dal governo. Confidiamo che la mozione possa essere approvata e che il Veneto si faccia portavoce presso il governo del nostro appello.

E. Z.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore