FIERE ED EVENTI | mercoledì 21 aprile 2021 01:03

FIERE ED EVENTI | 21 marzo 2021, 21:15

Associazione Prestatori Servizi di Pagamento, A.P.S.P.,

Primo ciclo di formazione, dedicato all’impresa. Vi hanno preso parte oltre 800 rappresentanti di imprese e di istituzioni.

Associazione Prestatori Servizi di Pagamento, A.P.S.P.,

L’Associazione Prestatori Servizi di Pagamento, A.P.S.P. e Federmanager - Associazione di riferimento per manager italiani-hanno avviato il primo ciclo di eventi di formazione e di confronto, in tema di digitalizzazione e di semplificazione dei pagamenti elettronici.All’incontro, dal titolo: “I pagamenti elettronici nell’era dell’economia digitale”, hanno partecipato, via web, oltre 800 rappresentanti di imprese e di qualificati esponenti delle istituzioni.Va segnalato che i pagamenti elettronici, nel 2020, hanno raggiunto quota 268 mlddi euro, con una riduzione di solo -0,7% rispetto, al 2019. Tuttavia, è la tecnologia contactless ad aver segnato un forte exploit con una crescita del +29% in un solo anno, pari, quasi,      alla metà dei pagamenti elettronici. Il numero dei pos attivi registra un +2%, per un totale di 2 mln e 210 mila unità. A fronte dell’entità dello scontrino medio, che si è ridotta dai 53,7 euro del 2019 ai 51,7 euro dell’anno scorso, il pagamento elettronico ha invece segnato una frequenza maggiore, pari al + 4%dati dell’Osservatorio Innovative Payments Poli. Relatori: il presidente dell’Associazione Prestatori Servizi di Pagamento – A.P.S.P., prof. Maurizio Pimpinella; il presidente di Federmanager, Stefano Cuzzilla e la dottoressa Paola Giucca, vice capo del servizio Strumenti e Servizi di pagamento al dettaglio della Banca d’Italia.Esaminata è stata l’evoluzione degli strumenti digitali, che stanno rivoluzionando il sistema delle transazioni, approfondendo, da un lato, i cambiamenti delle abitudini di cittadini e consumatori e, dall’altro, gli effetti che nuovi servizi e procedure digitalizzate stanno determinando, sul mondo dell’impresa e del management. Focus centrale è stato, quindi, il tema delle nuove competenze e dell’apporto, che i pagamenti e la trasformazione digitale offrono a imprese e cittadini, creando semplificazione e opportunità di crescita. Il presidente Pimpinella: "In un contesto economico e sociale, profondamente mutato, anche a causa dell’emergenza sanitaria e delle sue implicazioni, i pagamenti elettronici rappresentano un prezioso driver, per intraprendere la strada dell’innovazione, della semplificazione, della trasparenzadella crescita e delle competenze.Lo confermano i dati relativi al 2020, che vedono le transazioni elettroniche complessive ad un livello di poco inferiore a quello del 2019 (268 mld), una crescita generale del numero dei pos, o punti di vendita, (+2%), delle transazioni contactless (+29%) e un utilizzo più frequente e per importi ridotti di pagamenti elettronici ed innovativi. Sintomo di maggiore fiducia ed abitudine all’uso delle nuove tecnologie.Ora, è necessario insistere su questo piano e favorire le sinergie tra pubblico e privato e tra Istituzioni e imprese, affinché sia possibile accrescere e consolidare le competenze digitali di tutti e offrire al Paese una prospettiva di crescita e sostenibilità di medio-lungo periodo”. Digitalizzazione: tema attualissimo, che molto probabilmente, è e sarà alla base di ulteriori positivi sviluppi futuri. Privati ed imprese, mentre non possono assolutamente sottrarsi ad un approccio, rapido e costruttivo, con tale nuovo fenomeno innovativo, devono volgere l’attenzione ai vantaggi che lo stesso propone e, quindi, sia pure con il dovuto tempo, famigliarizzarsi sollecitamente, con lo stesso.

Pierantonio Braggio

 

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore