ANNUNCI E VARIE | lunedì 01 marzo 2021 04:19

ANNUNCI E VARIE | 22 febbraio 2021, 21:37

Banco BPM e rispetto dell’ambiente.

Consistente contributo ad “Enomondo”, per la produzione di fertilizzanti naturali.

Banco BPM e rispetto dell’ambiente.

      Banco BPM ed Enomondo hanno siglato un accordo di finanziamento dell’importo di € 10 mln, per la realizzazione di un nuovo impianto di compostaggio, atto ad incrementare la produzione di ammendante – prodotto, in grado di dotare il terreno di maggiori elementi nutritivi, per le piante in coltivazione – compostato con fanghi ed ammendante compostato verde. Enomondo produce vari tipi di ammendante compostato, idonei all’agricoltura biologica, ottenuti tramite scarti di filiera vitivinicola, scarti vegetali derivanti da industrie agroalimentari e potature del verde pubblico (triturate e vagliate), nonché energia termica ed elettrica, ottenuta tramite la combustione di vinacce esauste e sovvalli (scarti) uniti alla parte legnosa degli sfalci e potature del verde pubblico. L'energia elettrica prodotta da Enomondo, certificata green dal GSE (Gestore Servizi Energetici) viene in parte utilizzata e la quantità eccedente è venduta sulla rete nazionale. L’operazione di finanziamento, strutturata con il Mercato Corporate Centro Nord di Banco BPM, guidato da Luca Mazzini – afferma l’Ing. Sergio Celotti, ad di Enomondo – consente di proseguire sul sentiero di crescita, nel business dell’economia circolare, come previsto, nel progetto iniziale. Le società Enomondo e Caviro Extra, i cui processi industriali garantiscono il recupero pressoché totale dei materiali di scarto ricevuti (oltre il 99% degli input produttivi ricevuti è recuperato) sono un esempio virtuoso di economia circolare e di integrazione, tra filiere industriali differenti, a beneficio della sostenibilità ambientale. “L’operazione – commenta Andrea del Moretto, responsabile di Origination di Banco BP – si inquadra nell’operatività prevista con la recente istituzione, da parte della Banca di un plafond, dell’ammontare complessivo di 5 miliardi di euro, dedicato al sostegno di progetti di investimento, finalizzati all’incremento della sostenibilità ESG del business model della nostra clientela. Il plafond, anche per la sua rilevante dimensione, è lo strumento principale con il quale Banco BPM punta a diventare partner di riferimento del segmento mid-corporate italiano, per una transizione verso modelli di business sostenibili”. Utilizzare, a fondo, prodotti naturali, derivanti dalla manutenzione di terreni agricoli o di arboree, è grande opportunità, per la produzione, come più sopra spiegato, sia di materiale fertilizzante, che di corrente elettrica, che, come abbiamo visto, può essere usata in azienda o venduta.

Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore