CONSULENZE e INIZIATIVE | sabato 27 febbraio 2021 09:59

CONSULENZE e INIZIATIVE | 15 febbraio 2021, 21:51

Entrato in vigore il primo Codice Civile della Repubblica Popolare Cinese

Cari lettori, la Cina è lontana da Verona ma è interessante lo studio condotto sulle leggi che là operano. Ecco quindi, frutto della collaborazione con lo studio legale Chiavegatti, la possibilità per Veronaeconomia, di iniziare con un primo articolo un percorso per nostri lettori più esigenti.

Gian Andrea CHIAVEGATTI

Gian Andrea CHIAVEGATTI

Dopo lunghi anni di lavoro, il 1 gennaio 2021 è entrato in vigore il primo Codice Civile della Repubblica Popolare Cinese (华人民共和国法典), approvato il 28 Maggio 2020.

Sin dagli anni ’50, la realizzazione di un codice è stata oggetto di interesse nel dibattito cinese, ma con scarsi risultati: infatti, è sempre stata preferita l’introduzione di singole leggi, nella speranza, in futuro, di accorparle in un testo unico. Solo nel 2014, con l’inizio dei lavori del codice, questa possibilità si è resa concreta e, oggi, con l’entrata in vigore del Codice Civile cinese sono state abrogate le precedenti leggi, tra le altre, in tema di proprietà, di successione, di contratti e di famiglia.

 

Esso ha risposto al bisogno di chiarire al meglio il rapporto tra la società, l’individuo e la proprietà (non a caso il Codice cinese viene comunemente definito come una “enciclopedia del vivere sociale”) e di semplificare il contesto normativo, in quanto ha permesso di colmare i vuoti legislativi tra le diverse leggi.

I lavori che hanno accompagnato la stesura del testo, inoltre, sono stati oggetto di un grande interesse da parte di tutto lo Stato cinese: durante l’elaborazione del codice, il Governo cinese ha ricevuto quasi 1 milione di commenti dal pubblico.

Infine, è interessante rilevare un dato: il XIX secolo ha visto al centro del dibattito giuridico la codificazione napoleonica, il XX secolo ha visto la codificazione tedesca; sembra proprio che il XXI secolo avrà come protagonista proprio la codificazione Cinese.

 

Il Codice è diviso in sette parti: Disposizioni generali, Proprietà, Contratti, Diritti della personalità, Matrimonio e Famiglia, Successioni e Responsabilità civile, per un totale di 1260 articoli.

1)      Nelle Disposizioni generali (总则编) vengono individuati i soggetti di diritto (le persone fisiche e le persone giuridiche con o senza personalità giuridica) e vengono elencati i diritti civili, poi ripresi nelle altre sezioni del Codice.

2)      La parte sulla Proprietà (权编) disciplina i diritti sui beni mobili ed immobili. Dopo i principi generali, è presente una puntuale disciplina del diritto di proprietà, di usufrutto, di garanzia e, infine, del possesso. È interessante sottolineare la presenza di un nuovoistituto nel panorama giuridico cinese: il diritto di abitazione, previsto all’art. 366.

3)      La parte sui Contratti (合同) è la più lunga sezione del Codice. Dopo alcuni articoli iniziali in cui si prevede una disciplina per tutte le obbligazioni (non solo per i contratti!), vengono descritti 19 contratti tipici. Infine, in chiusura vi sono alcune norme sulla gestione di affari altrui e l’indebito arricchimento.

4)      Nella parte suiDiritti della personalità (人格权编)il Codice prevede il diritto alla vita, al corpo e alla salute; il diritto al nome e al titolo; il diritto all’immagine; il diritto alla reputazione e all’onore e il diritto alla privacy.

5)      Nella parte sul Matrimonio e la Famiglia(婚姻家庭), oltre a trovare numerose norme volte a disciplinare il matrimonio e le relazioni familiari, è opportuno sottolineare la grande attenzione per la tutela dei figli (artt. 1041-1044). Inoltre, sono previste delle disposizioni dirette a regolare la procedura e i requisiti per le adozioni.

6)      La parte in tema di Successione (继承编) è la più corta di tutto il Codice e regola la successione legittima, la successione testamentaria e i legati.

7)      Infine, la Responsabilità civile(权责任编) costituisce la settima parte del Codice. Qui si ritrovano le norme in materia di danni, di responsabilità in capo a particolari soggetti e specifiche ipotesi di responsabilità quali, tra le altre, la responsabilità medica, la responsabilità da inquinamento ambientale e la responsabilità da prodotto difettoso.

 

Studio Legale CHIAVEGATTI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore