ANNUNCI E VARIE | sabato 27 febbraio 2021 10:46

ANNUNCI E VARIE | 11 febbraio 2021, 23:21

A rispetto e a conservazione del Ponte Visconteo di Valeggio sul Mincio. Studio di alternative, da parte di Provincia di Verona e del Comune di Valeggio, per preservarlo dal traffico.

Dopo un incontro, fra il presidente della Provincia di Verona, Manuel Scalzotto, e il sindaco di Valeggio sul Mincio, Alessandro Gardoni, la Provincia aggiornerà e valuterà le diverse ipotesi progettuali, per spostare il trafficopesante, dal Ponte Visconteo.

A rispetto e a conservazione del Ponte Visconteo di Valeggio sul Mincio. Studio di alternative, da parte di Provincia di Verona e del Comune di Valeggio, per preservarlo dal traffico.

  Il manufatto storico, detto anche “ponte lungo” – esso misura 25 metri di lunghezza – risalente al 1393, quando fu costruito dai Visconti, anche con funzione di fortezza, è, oggi, di proprietà del Comune di Valeggio, ed è attraversato dalla strada provinciale 55 “Viscontea”, che collega il Veronese con il Mantovano. Nei primi anni duemila, allo scopo di conservare nel modo migliore la grande ed antica opera, si pensava d’adeguare e utilizzare una vicina strada comunale o di costruire un nuovo ponte a monte di quello esistente, per poi collegarlo con un raccordo alla viabilità provinciale. “È una struttura di grande valore storico e una delle più prestigiose porte d’ingresso al territorio veronese – afferma il presidente Scalzotto –. Riteniamo, perciò, doveroso riavviare un iter, che ne garantisca una sempre maggiore tutela. Il ponte era uscito dalla programmazione della Provincia nel 2015, dopo la riforma Delrio. Penso che, ora, i tempi siano maturi, per riprendere in mano un progetto risolutivo, per la viabilità nell’ovest veronese”. Il Sindaco Gardoni: “Trovare un’alternativa al Visconteo, per il traffico veicolare, e fare in modo, che non sia semplicemente una strada, ma, che acquisisca la dignità di un monumento di grande pregio storico e architettonico, è un obiettivo della nostra amministrazione. Peraltro, un primo studio progettuale potrebbe permettere alla Provincia di partecipare ai futuri bandi previsti dai decreti del Mef, per le realizzazioni di nuovi ponti, dove quelli esistenti presentino limiti strutturali”. Importante iniziativa, di grande sensibilità per l’antico, che è, oltre che testimonianza d’un passato storico di Valeggio, motivo di visite e cdi turismo.

Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore