POLITICA & SOLIDARIETA' | sabato 27 febbraio 2021 10:59

POLITICA & SOLIDARIETA' | 10 febbraio 2021, 00:00

Il giorno della MEMORIA. No ai negazionisti ed ai riduzionisti

Oggi si ricorda il dramma di circa 300.000 italiani spazzati via dalla furia comunista e delle migliaia di morti infoibati di cui, molti in Italia, ancor oggi, cercano di cancellare o sminuire le infamie di un regime ideologizzato come quello di TITO nella ex Jugoslavia.

nella foto  i riferimenti per un  approfondimento

nella foto i riferimenti per un approfondimento

 Una giornata per ricordare, per informare.  I pochi supertisti  della pulizia etnica e ideologica  si sono riuniti  in associazioni   che a partire dal 2004, anno di  approvazione della legge  che ha istituito il GIORNO DELLA MEMORIA, sono "comparsi " agli   occhi del mondo.  Un girono   per  far capire che le ideologie e gli assolutismi sono sbagliati, ed in particolare  ai tanti che ancora in cuor loro  confidano nel comunismo  come  ideologia da seguire  per il bene della società. Questa ideologia, battuta dalla storia,  ha prodotto milioni di morti, forse più che altre ideologie e come tutte queste vanno tenute al bando dalla società civile. Occorre intervenire sempre con  precisione eseverità contro quei  rigurgiti   che purtroppo ogni tanto appaiono. Ideologie che usano le persone e non rispettano le loro differenze spesso perchè si alimentano paure attorno a queste diversità , paure che  ottenebrano le coscienze.  Vecchio sistema  valido per combattere tutte le dittature e  gli assolutismi e l'informazione,  proprio   la libera informazione, sempre meno apprezzata, invece riesce a frenare queste infami conseguenze della paura.

mz

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore