FIERE ED EVENTI | lunedì 01 marzo 2021 05:15

FIERE ED EVENTI | 03 febbraio 2021, 21:45

Fondazione Arena di Verona.

II Concerto della Stagione Sinfonica 2021 – Mozart e Schubert – da venerdì, 5 febbraio, alle 20.30, su web.

Fondazione Arena di Verona.

Venerdì, 5 febbraio, secondo concerto della Stagione Sinfonica 202, al Teatro Filarmonico, con il debutto del maestro Giampaolo Pretto, direttore e solista di due capolavori giovanili di Mozart: “l’Andante”, in do maggiore K 315, e il Concerto n. 1, in sol maggiore K 313, entrambi perflauto e orchestra. Nella seconda parte del programma e nel quadro di “Filarmonico aperto…, a casa tua”, la Sinfonia 9, in do maggiore di Franz Schubert, dal titolo: “la Grande”, che andrà in onda su Telenuovo, oltre che in streaming, sulle piattaforme di Fondazione Arena Facebook, YouTube e sulla webTV <https://arenatv.uscreen.io/> arena.it/tv.  Nel secondo appuntamento della Stagione Sinfonica, farà il suo esordio, come sopra cennato, a Verona, quale direttore e solista – anche compositore e Maestro preparatore dell’Orchestra Giovanile Italiana – Giampaolo Pretto, che, d2016, ricopre il ruolo di direttore principale dell’Orchestra Filarmonica di Torino. Apre il concerto “l’Andante”, per flauto e orchestra in do maggiore K 315, che, con grande probabilità, vide la luce proprio in sostituzione del concerto n.1 (per avere un pezzo più semplice), su incarico di Willem de Jean, ricco olandese, che commissionò a Mozart numerosi brani per flauto ed alcuni quartetti. Sempre alla giovinezza del genio di Salisburgo, appartiene il Concerto per flauto e orchestra n. 1 in sol maggiore K 313. Il brano, composto, tra il gennaio e il febbraio del 1778, si rivelò, fin da subito, un capolavoro, componimento di grande eleganza, nel quale, lo strumento può esplorare tutte sue le estensioni, sostenuto in maniera importante dall’orchestra. La seconda parte del concerto è un’imponente pagina orchestrale di Franz Schubert, la già citata Sinfonia n. 9 in do maggiore “La Grande” D. 944. Diverse interpretazioni sulla data riportata nell’autografo fanno sì che il concerto venga datato 1825-1828, a causa di una scrittura prolungata. Esso ebbe la prima esecuzione a Lipsia, il 21 marzo 1839, sotto la direzione di Mendelssohn. Si tratta di un caposaldo della storia della sinfonia. che influenzerà i musicisti e compositori, Bruckner e Mahler, e che costituisce la sintesi del pensiero schubertiano in cui, la concezione del tempo musicale apre ad una inesauribile varietà di paesaggi. Il tutto sarà trasmesso, venerdì, 5 febbraio, alle 20.30, sulla webTV <https://arenatv.uscreen.io/> arena.it/tv e sul canale YouTube, mentre, sabato 13, alle ore 15.00, l’evento sarà disponibile, su Facebook, e, in chiaro, su Telenuovo (canale 11). Per ulteriori infos:
www.arena.it.

Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore