Economia veronese e veneta | 01 febbraio 2021

FISASCAT - Commercio, turismo e servizi - CislVeneto. Nuovi vertici..

Apprendiamo questa notizia che crediamo sia utile a tutti coloro che si occupano di turismo

FISASCAT - Commercio, turismo e servizi - CislVeneto. Nuovi vertici..

Fisascat, sindacato di categoria giovane, che crede importante valorizzare la persona, la libertà di espressione, l'autonomia e la contrattazione collettiva, essendola più numerosa e ampia delle categorie dell’associazione sindacale veneta, che rappresenta i settori terziario, turismo e servizi, ha visto eletti all’unanimità, dal Consiglio regionale, i due nuovi membri della Segreteria, Patrizia Manca e Giovanni Battista Comiati, che dal 1° febbraio 2021, affiancheranno la segretaria generale Maurizia Rizzo, alla guida della categoria.   «Rinnovare in tutto il Veneto la squadra implementando la presenza dei giovani – spiega Maurizia Rizzo, segretaria generale della Federazione italiana Sindacati Addetti servizi commerciali, affini e del turismo – è uno dei nostri principali obiettivi». «Vogliamo rafforzare l’unitarietà della categoria – continua – anzitutto eliminando i confini provinciali, perché è come sistema territorio che siamo chiamati a operare. E facendo crescere trasversalmente le competenze di tutti i delegati e le delegate, al servizio delle lavoratrici e dei lavoratori e, alla luce dei nuovi bisogni di tutela e di diritti emersi come prioritari in questa congiuntura, in primis la salute e la sicurezza. Sono convinta che, con Manca e Comiati,sapremo dare un impulso importante in questa direzione”. “Fisascat Veneto opera per settori, oggi, fortemente toccati dalla crisi pandemica, che ha innescato ulteriori diseguaglianze tra i lavoratori e creato nuove povertà: dal settore dell’alberghiero e della ristorazione (anche quella collettiva) al turismo, con tutto l’indotto ad esso collegato (agenzie viaggi, attività stagionali, pubblici esercizi…), dal commercio al dettaglio e quello all’ingrosso (in particolare, abbigliamento e moda), ai servizi del mercato, fino alla cultura. «Per questo le sfide all’orizzonte e le tutele da garantire sono ancora maggiori e urgenti, e non basteranno incentivi e ristori a vincerle, ma serviranno interventi strutturali e regolati” – evidenzia, ancora, Rizzo. Fisascat è a livello regionale la più importante federazione di Cisl Veneto, per numero di iscritti, che superano oggi quota 47mila: sono per lo più donne (70%), peril 62%, occupati part-time, e, per il restante 38%, occupati full-time. Lavoratori e lavoratrici, che hanno a loro tutela più di 40 contratti nazionali (dagli addetti al terziario e al commercio, a quelli dei settori della ristorazione, dell’alberghiero e del turismo, delle realtà di culto, agli operatori dei servizi di pulizia e dei servizi socioassistenziali, alle guardie giurate, ai collaboratori familiari, fino ai dipendenti delle istituzioni, delle agenzie di scommesse e delle case da gioco, i civili delle basi americane e Nato). Nel corso del difficile 2020, Fisascat Cisl Veneto ha sottoscritto più di 30mila accordi per ammortizzatori sociali (CIGD-Fis), proteggendo occupazione e salario di oltre 100mila persone. Inoltre, grazie alla contrattazione territoriale e alla bilateralità ha contribuito a sostenere il reddito di numerose persone e famiglie, sospese dal lavoro, per i provvedimenti di restrizione anticovid.

Pierantonio Braggio