Esprime cultura | 18 gennaio 2021

Sostenere l’immenso patrimonio naturale ed artistico italiano. Fiscal Art ed Art Bonus garantiscono benefici fiscali e un buono-beni d’uso quotidiano.

L’Italia è un immenso museo, creato dalla natura, e, in secoli d’impegno, dal genio e dalle mani di eccellenti artisti, con 55 siti, proclamati patrimonio dell’umanità dall’Unesco, che considera la Penisola, un territorio magnificato da migliaia di luoghi preziosi ed unici.

Sostenere l’immenso patrimonio naturale ed artistico italiano. Fiscal Art ed Art Bonus garantiscono benefici fiscali e un buono-beni d’uso quotidiano.

 Luoghi ed arte, tuttavia, che richiedono mille attenzioni, prime fra tutte, una costante manutenzione ad hoc, per una studiata loro conservazione. Fiscal Art è un progetto pragmatico di finanziamento, fruibile da tutti, per, appunto, conservare e tramandare tale patrimonio di bellezza, attraverso donazioni, favorite da benefici fiscali, oggi possibili, grazie all’Art Bonus statale e gratificate da un ritorno personale. Con la formula Fiscal Art, infatti, ogni donatore ottiene, ovviamente, la ricevuta dell’erogazione, valida ai fini del credito di imposta, ed un buono, spendibile, per beni di uso quotidiano: un complesso economico virtuoso, che permette di sostenere un bene culturale, ricavandone contemporaneamente un doppio beneficio. «Investi nell’arte e scopri, come pagare meno tasse»  –  evidenzia Alex Mastini, ceo e founder di Fiscal Art, www.fiscalart.it, la prima start up italiana – nata a Verona, per salvare il patrimonio culturale nazionale, attraverso una raccolta-fondi. «Abbiamo un annoso problema: lo Stato non ha sufficienti risorse, da destinare alla salvaguardia dell’arte e della cultura Italiane. Il nostro progetto nasce, nel 2019, con l’obiettivo di incrementare le donazioni, da parte del pubblico e amplificare le agevolazioni del credito di imposta, agendo, efficacemente, su due fronti: sostegno e sgravi fiscali, secondo quanto previsto dall’Art Bonus. Ma non è tutto: Fiscal Art, grazie alle aziende partner, regala un buono spesa corrispondente al 50% della donazione». Un’importante iniziativa, quella sopra brevemente descritta, che mira a sostenere arte e cultura, da parte di persone fisiche e di aziende, non dimenticando riconoscenza a chi risponde a tale proposta, e che il credito d’imposta, citato, prevede è pari al65% .

Pierantonio Braggio

In Breve