ESPRIME CULTURA | domenica 17 gennaio 2021 07:50

ESPRIME CULTURA | 31 dicembre 2020, 10:17

A VERONA NIENTE BOTTI E PETARDI

Ogni anno. bambini, anziani e animali subiscono le pericolose conseguenze dell'uso di botti, petardi e fuochi d'artificio…, sordità, compresa!

A VERONA  NIENTE BOTTI E PETARDI

Le limitazioni sono contenute all'art. 30-bis del Regolamento di Polizia Urbana, dal titolo: Divieto d’utilizzo di materiali esplodenti e pirotecnici, che recita: "Al fine di salvaguardare l'incolumità pubblica, la sicurezza urbana, i rischi di incendio, la quiete delle persone ed i disagi degli animali domestici e selvatici, è vietato l'utilizzo di materiali esplodenti e pirotecnici, in presenza di persone ed animali, nonché ad una distanza inferiore ai 500 metri da luoghi di ricovero, cliniche, ospedali, case di cura, scuole, ambiti condominiali ed abitazioni dei centri abitati, luoghi pubblici e privati aperti al pubblico, siti di interesse comunitario, aree naturalistiche e oasi protette, strutture spazi verdi e pubblici destinati ad animali d'affezione. E' altresì vietato, condurre, in qualsiasi momento, animali d'affezione, in particolare cani e gatti, in luoghi dove vengono effettuati spettacoli pirotecnici autorizzati. In caso di mancato rispetto, la sanzione, prevista dall'art. 67 del Regolamento, è pari a 200 Euro”. Grande decisione! Grande, più che saggia, eccome! Da decenni, abbiamo constatato l’esigenza d’una tale normativa, in quanto, recarsi in città e, soprattutto, in piazza Bra, specialmente, la sera del 31 dicembre, era diventato proibitivo. Il divertimento di alcuni, infatti, non deve trasformarsi in timore o in danno, o peggio, in disgrazia, per gli altri, non dimenticando che gli scoppi, spesso, oltre ogni limite, possono provocare anche la sordità!

Pierantonio Braggio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore